Berlino, migliaia di manifestanti in protesta contro le norme anti-Covid

Berlino- Fonte: www.wallpaperflare.com

Migliaia sono i manifestanti che nelle ultime ore sono scesi in piazza, a Berlino, per protestare contro le misure anti Coronavirus messe in atto dal Governo. Con lo slogan “The end of the pandemic” (“La fine della pandemia“) i cittadini tedeschi si sono apertamente opposti alle decisioni prese nella loro nazione per contrastare l’emergenza. Molte persone, nella maggior parte dei casi senza mascherina, hanno occupato strade e piazze, creando rischiosi ed incontrollati assembramenti.

Nessun rispetto delle norme di sicurezza anti-Coronavirus

Le immagini di innumerevoli negazionisti scesi in piazza a manifestare mostrano un notevole disaccordo dei cittadini nei confronti de Governo tedesco. Il corteo è partito dalla Porta di Brandeburgo, dove sono anche stati esposti cartelli con la scritta: “Corona, falso allarme“, “Siamo costretti a indossare la museruola” e “Difesa naturale invece della vaccinazione”. I manifestanti hanno poi intonato cori, mettendo in dubbio la propria libertà: “Siamo qui e siamo rumorosi, perché veniamo derubati della nostra libertà”. Tra la folla si è distinta una gran varietà di persone, tra cui alcuni teorici della cospirazione e populisti di destra. Molti di loro si sono riuniti da varie zone della Germania per poter partecipare alla protesta. Come si può immaginare, la maggior parte dei manifestanti non indossava la mascherina e non rispettava l’obbligo della distanza di sicurezza.

La pandemia in Germania

In generale la gestione dell’emergenza sanitaria in Germania può essere considerata positivamente. Il tasso di mortalità infatti risulta inferiore rispetto ad altri Paesi comparabili per numero di infetti. Lo Stato ha allentato le restrizioni dalla fine di aprile, ma non ha ritirato l’obbligo del distanziamento sociale e della mascherina negli spazi chiusi, come mezzi di trasporto pubblici e negozi. Nelle ultime settimane tuttavia il numero dei contagi è notevolmente aumentato e il Governo ha allarmato i cittadini, rimproverandoli di aver abbassato troppo la guardia. Il ministro dell’Economia Peter Altmaier, dopo aver analizzato i nuovi dati, ha annunciato pene più severe per chiunque non rispetti le norme anti-Covid. Alto è infatti il rischio di ritornare ad uno stato di emergenza, che vanificherebbe gli sforzi fatti fino ad ora. “Chiunque metta deliberatamente in pericolo gli altri deve aspettarsi che ciò abbia gravi conseguenze per lui“, ha dichiarato il ministro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA