Bitcoin, una criptovaluta (valuta virtuale), si sta spostando da attività che non hanno alcuna correlazione con il mercato azionario a quelle che sono più strettamente correlate, gli analisti del gigante bancario statunitense JPMorgan Chase investono Come menzionato nella nota nella home. Questo memo è stato pubblicato l’11 giugno.

“Negli ultimi due anni, le correlazioni sono state vicine allo zero, ma alcuni hanno visto un forte aumento delle azioni negli ultimi mesi (azioni) e alcuni mostrano il contrario (dollari USA, oro). “Ha detto il team stratega di JPMorgan, guidato da Joshua Younger.

Gli analisti del reddito fisso hanno notato che Bitcoin ha sovraperformato le attività tradizionali su base rettificata dalla volatilità a marzo. Il promemoria ha osservato che la liquidità di Bitcoin sui principali mercati era più resistente rispetto alle attività tradizionali come azioni, oro, titoli del Tesoro e valuta estera.

È stato al di sopra della media dell’anno scorso, mentre la liquidità della classe di attività tradizionale non si è ancora ripresa.”

Profondità del mercato: il concetto di liquidità del mercato. Chiamato anche “profondità del mercato”, indica se sul mercato vi sono sufficienti ordini di acquisto e vendita.

Bitcoin non è un bene sicuro

Dal 2 al 23 marzo, l’indice azionario S&P 500 è sceso del 29% a causa dell’aumento delle preoccupazioni per il nuovo coronavirus.
Gli analisti di JPMorgan credono che le fluttuazioni dei prezzi siano state forti durante questo periodo, ma è stato il primo stress test per un criptovaluta e ha superato. La nota afferma che la valutazione delle attività crittografiche non si è discostata in modo significativo dal suo valore intrinseco per tutto il mese di marzo e che si sono visti pochi movimenti di liquidità.

Ha osservato che mentre le attività crittografiche hanno mostrato una maggiore resilienza rispetto alle attività tradizionali durante questo periodo, alcune opinioni secondo cui il bitcoin è un bene sicuro non possono assolutamente essere soddisfatte. Piuttosto, il loro valore sembra essere fortemente correlato con attività rischiose come le azioni.”
Gli analisti di JPMorgan hanno concluso che il Bitcoin continuerà probabilmente a esistere, ma continuerà a essere un mezzo speculativo, non un modo per scambiare o archiviare valore.

La “valuta virtuale” rappresentata da Bitcoin sta attirando l’attenzione di tutto il mondo. Tuttavia, rimangono questioni tecniche e sociali da risolvere. È difficile affermare che è stato ampiamente valutato positivamente perché può essere utilizzato come mezzo di rimessa illegale e in parte a causa di problemi come il fallimento degli scambi. D’altro canto, la tecnologia relativa alle valute virtuali ha continuato a progredire costantemente, e si prevede che il sistema giuridico sarà ulteriormente migliorato in futuro, quindi esiste la possibilità che diventerà una tendenza importante in futuro.

Bitcoin costante Tre venti di coda per la valuta virtuale

Il mercato delle criptovalute (valuta virtuale) è forte. I prezzi di Bitcoin (BTC) sono scesi a un livello inferiore a $ 5.000 a metà marzo, ma poi sono tornati indietro. Ai primi di maggio, è temporaneamente tornato al livello di 10.000 dollari.
Come per le azioni, c’è un aspetto che l’allentamento monetario globale ha sostenuto il mercato. Tuttavia, non si può trascurare il fatto che esiste un vento in poppa unico per le valute virtuali in termini di domanda e offerta.

Se il numero di partecipanti ai lavori di manutenzione del database distribuito è limitato e il metodo di costruzione del consenso è impostato su un metodo che non richiede molto tempo, si può realizzare una notevole accelerazione. (Contrariamente al tipo aperto di Bitcoin, si chiama tipo chiuso o tipo privato). Inoltre, sono in corso miglioramenti a Bitcoin stesso e nuove funzionalità come i canali di pagamento consentiranno transazioni più veloci.

Relazione tra blocco e singola transazione


Dal nome di blockchain, penso che abbia un’immagine in cui i dati sono in qualche modo bloccati, ma qui spiegherò il meccanismo. Fai clic Anon System login per maggiori dettagli.
Innanzitutto, in un database gestito centralmente, quando viene effettuata ogni transazione di trasferimento, ogni transazione viene registrata direttamente nel database.

D’altra parte, nella blockchain, invece di scrivere ogni transazione direttamente nel database, diverse singole transazioni vengono eseguite in un set e registrate nel database per ogni set. Questo insieme di più transazioni è chiamato “blocco”. E le singole transazioni all’interno sono chiamate “transazioni”.

Il motivo per cui la blockchain non scrive singole transazioni direttamente nel database è perché la blockchain adotta un database distribuito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA