Bollettino Coronavirus, i dati del 3 novembre: 28.244 nuovi casi

Il bollettino del 3 novembre: 28.244 sono i nuovi casi di Coronavirus mentre 353 i decessi. 182,287 sono, invece, i tamponi effettuati. Il rapporto positivi-tamponi è al 15,49%.

Il bollettino del 3 novembre

Secondo il bollettino del 3 novembre, i nuovi contagiati da coronavirus individuati in Italia sono 28.244

I tamponi effettuati sono 182.287, quasi 47mila più del giorno precedente (16.285.936 in totale), con la percentuale positivi-tamponi passata dal 16,39% al 15,49%

Le vittime sono state 353 in 24 ore, mai così tante dal 6 maggio, subito dopo la fine del lockdown. In totale hanno perso la vita 39.412 persone.

I ricoveri in terapia intensiva nelle ultime 24 ore sono stati 203, contro gli 83 del 2 novembre, per un totale che sale a 2.225

In crescita anche i ricoveri ordinari, +1.274; in isolamento domiciliare ci sono ora 394.803 persone.

Attualmente, i positivi sono 418.142.

Sempre nelle ultime 24 ore i pazienti guariti/dimessi sono stati 6.258.

I medici

Altri due sono i medici uccisi dal Covid in Italia, tutte e due nell’area Pavese. Si tratta di Alberto Gazzera, 70 anni, in pensione da appena due mesi, morto il 30 ottobre e di Vittorio Collesano, del 1948, scomparso il 31 ottobre. Il totale delle vittime tra i camici bianchi sale così a 186.

Il bollettino nelle Regioni

Le Regioni dove è stato registrato il maggior numero di nuovi casi sono la Lombardia (6.804), il Piemonte (3.169), la Campania (2.971), la Toscana (2.336), il Veneto (2.298), il Lazio (2.209) e l’Emilia Romagna (1.912).

La Valle d’Aosta

In Valle d’Aosta nelle ultime 24 ore sono stati registrati un decesso e 94 nuovi casi positivi. Il totale dei contagiati attuali sale a 2.050, di cui 1.867 in isolamento domiciliare e 183 ricoverati nei reparti dell’ospedale Parini e nella clinica di Saint-Pierre (13 in terapia intensiva).

Il Piemonte

In Piemonte i positivi sono attualmente 77,832, di cui 1303 (41%) sono asintomatici. I ricoverati in terapia intensiva sono 213, i ricoverati non in terapia intensiva sono 3379 e le persone in isolamento domiciliare sono 35.121. Sono 29 i decessi. Il totale è ora di 4.444 morti risultati positivi al virus. I pazienti guariti sono complessivamente 34.675.

La Liguria

Sono 1052 i nuovi positivi in Liguria, a fronte di 6619 tamponi, il 15,9%. 

I morti sono 20 per un totale di 1810. Gli ospedalizzati sono 1211. Tra i ricoverati 64 sono in terapia intensiva, nelle 24 ore precedenti erano 57. Nell’area metropolitano di Genova si registrano 838 casi su 1052. I guariti sono 654. In isolamento domiciliare ci sono 8618 persone, 514 più della giornata precedente e in sorveglianza attiva ce ne sono 6311.

La Lombardia

In Lombardia si sono registrati 6.804 nuovi casi e 117 morti. I tamponi effettuati sono stati 32.337, per un totale di 3.040.698. 

Nel Milanese si sono registrati 2.829 casi, di cui 999 nel capoluogo.

Il 2 novembre nella Città metropolitana c’erano stati 2.242 positivi, di cui 1.025 a Milano. Nelle altre province lombarde, Varese registra 1.192 contagi, Monza e Brianza 838, Como 459 e Pavia 294. Poi ci sono Mantova con 230 casi, Bergamo con 185, Lecco con 169, Sondrio con 150, Cremona con 107, Brescia con 99 e Lodi con 58. 

Il Trentino

Ci sono stati 3 decessi e 112 casi positivi al tampone molecolare, di cui 36 sintomatici, in Trentino, su 1.527 tamponi eseguiti. Molto alto il numero degli over 70 fra i nuovi contagiati che tocca quota 58. Sale anche il numero dei ricoverati, con 212 pazienti in ospedale, di cui 12 in rianimazione, mentre le vittime del Covid-19 aumentano di 3 unità.

Trentino Alto Adige

In Alto Adige si è registrato un nuovo decesso, mentre sono 495 i nuovi casi positivi al coronavirus. Il totale dei positivi da inizio epidemia sale così a 9.848. Il totale delle vittime è di 320. I pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri sono 219, e nelle strutture private convenzionate 68.

In terapia intensiva sono ricoverati 28 pazienti. Le persone in isolamento domiciliare sono 7.474

Undici comuni, compreso Bolzano, sono stati dichiarati “zona rossa” dalla giunta provinciale altoatesina che ha adottato per essi misure più restrittive rispetto al resto del territorio provinciale. 

Oltre alle misure adottate con l’ultima ordinanza provinciale, negli undici comuni, con un’ulteriore ordinanza che entrerà in vigore il 5 novembre, per due settimane, si passerà alla didattica a distanza nelle scuole di ogni ordine e grado, verranno chiuse le scuole d’infanzia e gli asili, chiuderanno anche i serivizi alla persona, come parrucchieri ed estetisti. Inoltre, si potrà entrare ed uscire da questi comuni solo per comprovati motivi di lavoro o di salute.

Il Friuli Venezia Giulia

In Friuli Venezia Giulia sono stati rilevati 366 nuovi contagi e 8 decessi

Le persone risultate positive al virus in regione dall’inizio della pandemia ammontano in tutto a 11.828, di cui: 3.887 a Trieste, 4.415 a Udine, 2.146 a Pordenone e 1.251 a Gorizia, alle quali si aggiungono 129 persone da fuori regione. I casi attuali di infezione sono 5.836. Salgono a 39 i pazienti in cura in terapia intensiva e a 205 i ricoverati in altri reparti. I decessi complessivamente ammontano a 411, con la seguente suddivisione territoriale: 211 a Trieste, 98 a Udine, 91 a Pordenone e 11 a Gorizia. I totalmente guariti sono 5.581, i clinicamente guariti 78 e le persone in isolamento 5.514

Il Veneto

Il Veneto ha registrato 2.298 nuovi casi nelle ultime 24 ore. Il numero complessivo è di 63.095 positivi dall’inizio dell’epidemia. Dai dati del bollettino regionale si registrano 31 vittime, che portano il conteggio a 2.458 morti dell’inizio dell’epidemia. 

L’Emilia-Romagna

Dall’inizio dell’epidemia in Emilia-Romagna si sono registrati 61.158 casi di positività. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è oggi dell’8%. Ventitre i nuovi decessi: 6 in provincia di Modena (3 donne di 70, 80 e 92 anni e 3 uomini di 76, 77 e 84), 5 in provincia di Bologna (3 uomini di 69, 76 e 83 anni e 2 donne di 90 e 100 anni), 4 in provincia di Parma (3 uomini di 78, 80, 83 anni e una donna di 87 anni), 4 in provincia di Ferrara (3 donne di 85, 94, 96 anni e un uomo di 75 anni); 3 in provincia di Reggio Emilia (3 uomini, rispettivamente di 82, 87 e 88 anni) e 1 in provincia di Ravenna (un uomo di 85 anni).  Dall’inizio dell’epidemia i morti complessivi sono 4.687. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 153, 1.464 quelli in altri reparti Covid.

La Toscana

La Toscana ha superato il picco dei pazienti positivi al Covid ospedalizzati raggiunto il 2 aprile scorso. Se allora erano stati 1.437 (dato Ars) oggi se ne contano 1.451. Di questi 190 sono in terapia intensiva. In totale rispetto al 2 novembre la Toscana registra altri 2.336 positivi: sono 50.987. I nuovi casi sono il 4,8% in più rispetto al totale del giorno precedente. Si sono registrati anche altri 16 decessi che portano a 1.403 il dato complessivo da inizio pandemia.

I guariti crescono dello 0,9% e sono in totale 15.667. I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.133.147. Sono 9.081 i soggetti testati, di cui il 25,7% positivo. Gli attualmente positivi sono 33.917. Complessivamente, 32.466 persone sono in isolamento a casa poiché presentano sintomi lievi o ne sono prive. Altre 32.833 sono isolate, in sorveglianza attiva, perché hanno avuto contatti con persone contagiate.

L’Umbria

Dopo settimane, si è registrato un calo seppure minimo, da 354 a 353 i pazienti Covid ricoverati negli ospedali dell’Umbria, 48 dei quali in terapia intensiva. I dati aggiornati della Regione parlano comunque di altri otto morti, 148. Dai 4.540 tamponi analizzati, sono emersi altri 420 positivi e 171 guariti.

Il Lazio

L’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, ha detto:

“Su oltre 25mila tamponi nel Lazio (+5.907) si registrano 2.209 casi positivi (+350), 21 i decessi e 159 guariti.Scende il rapporto tra positivi e i tamponi (8%). Roma poco oltre i mille casi, a Latina il punto più basso dei contagi. È stata la provincia su cui sono partite prima le misure di restrizione. Venerdì aprirà la nuova area di pronto soccorso dell’A.O. San Camillo di Roma”.

Le Marche

Nelle Marche sono 431 i positivi rilevati nelle ultime 24ore su 1.677 test nel percorso nuove diagnosi. In totale i tamponi eseguiti sono 2.540 tra i quali 863 nel percorso guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi complessivi è del 16,9%; 25,7% se si considera solo il percorso nuove diagnosi. Le province in cui si sono registrati più casi, comunica il Servizio Sanità della Regione, sono Ancona (129), Ascoli Piceno (118) e Macerata (109); seguono Pesaro Urbino (48) e Fermo (11) mentre 16 contagi riguardano persone provenienti da fuori regione. Tra i nuovi casi ci sono soggetti sintomatici (70), contatti in setting domestico (97 casi), contatti stretti di casi positivi (99), contatti in setting lavorativo (12), rientri da altra regione (2), contatti in ambienti di vita/divertimento (19), in setting assistenziale (10), in setting scolastico/formativo (12), screening percorso sanitario (5). Per altri 105 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.

L’Abruzzo

Sono complessivamente 12.120 i casi positivi registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza nel bollettino. Rispetto al giorno precedente si registrano 601 nuovi casi (di età compresa tra 9 mesi e 103 anni). Dei nuovi casi, 296 sono riferiti a tracciamenti di focolai già noti. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 8 nuovi casi e sale a 564 (di età compresa tra 53 e 94 anni, 4 in provincia dell’Aquila, 3 in provincia di Teramo, 1 in provincia di Pescara). Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 3909 dimessi/guariti. Gli attualmente positivi in Abruzzo sono 7610.

La Campania

Dei 2.971 nuovi casi in Campania, 101 sono sintomatici e 2.870 sono asintomatici. Il totale dei positivi al Covid dall’inizio dell’emergenza in Campania è 65.432, mentre il numero di tamponi esaminati supera la quota del milione: sono 1.010.052. Sono 24 i nuovi decessi legati al coronavirus, dato che porta il totale dei decessi in Campania a 724. Sono infine 998 i guariti: il totale dei guariti è 13.989. Ci sono 227 pazienti covid ricoverati in terapia intensiva in Campania.

Il Molise

Sono 93 i nuovi casi riscontrati in Molise dopo aver esaminato 704 tamponi. Nessun decesso, mentre in terapia intensiva sono ricoverate 6 persone.

La Basilicata

Sono 127 i nuovi contagi in Basilicata a fronte dei 1.146 tamponi processati. Una trentina di casi si riferiscono a cittadini residenti fuori regione. Quindici le persone guarite e tre quelle decedute ieri. Scendono, invece, a 98 i lucani ricoverati negli ospedali, di cui undici  nei reparti di terapia intensiva di Potenza  e Matera.

La Puglia

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano ha reso noto che sono stati effettuati 5.955 test e sono stati registrati 1.163 casi positivi: 716 in provincia di Bari, 61 in provincia di Brindisi, 117 in provincia Bat, 115 in provincia di Foggia,45 in provincia di Lecce, 101 in provincia di Taranto, 7 attribuiti a residenti fuori regione. 1 caso di provincia di residenza non nota. Sono stati registrati 12 decessi nel bollettino.

La Calabria

Nel bollettino notiamo che in Calabria, ad oggi, sono stati sottoposti a test 280.076 soggetti per un totale di tamponi eseguiti 283.075 (allo stesso soggetto possono essere effettuati piu’ test). Le persone risultate positive sono 5.830, quelle negative 274.246.  Lo rende noto la Regione nel bollettino quotidiano dei dati relativi al coronavirus: i decessi dall’inizio dell’emergenza sono 121.

La Sicilia

Sono 14 i nuovi decessi da coronavirus in Sicilia, e 1.048 i nuovi contagi. Lo riferisce  la Protezione civile. In tutto i contagi sono 16.806. I dimessi/guariti sono stati nelle ultime 24 ore 292. I ricoveri in terapia intensiva sono in tutto 142 e 8.034 i nuovi tamponi.

La Sardegna

Il bollettino segna quattro decessi e 302 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Sardegna. Dall’inizio dell’emergenza, sono 10.456 i casi di positività complessivamente accertati nell’isola, 239 i decessi totali. Finora sono stati eseguiti 276.430 tamponi con un incremento di 2.489 test. Sono invece 337 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi, mentre è di 45 il numero dei pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 6.526

© RIPRODUZIONE RISERVATA