Bollettino del 20 marzo: 23.832 nuovi casi e 401 morti

Il bollettino del 20 marzo ci mostra una crescita dei ricoveri e terapie intensive. Diminuiti i tamponi. Il tasso di positività scende di poco: è 6,7%.

Bollettino del 20 marzo

Sono 23.832 i nuovi casi di Coronavirus in Italia

Sale, quindi, ad almeno 3.356.331 il numero di persone che hanno contratto il virus (compresi guariti e morti) dall’inizio dell’epidemia

I decessi odierni sono 401, per un totale di 104.642 vittime da febbraio 2020. 

Le persone guarite o dimesse sono complessivamente 2.686.236 e 14.598 quelle uscite oggi dall’incubo Covid.

Gli attuali positivi, ovvero i soggetti che hanno il virus, risultano essere in tutto 565.453.

I tamponi

I tamponi totali (molecolari e antigenici) sono stati 354.480, ovvero 10.342 in meno rispetto al giorno precedente. 

Mentre il tasso di positività è 6,7% (l’approssimazione di 6,723%): vuol dire che su 100 tamponi eseguiti più di 6, quasi 7, sono risultati positivi.

Il rapporto di casi/test scende leggermente, attestandosi al 6,7% dal 7% del giorno prima. 

Le Regioni

La Lombardia rimane la regione più colpita per numero di nuovi casi (+4.810), con oltre 56 mila tamponi, ossia il numero di test regionali più alto della giornata. 

Seguono con più di 2 mila casi: Emilia-Romagna (+2.560), Campania (+2.196), Piemonte (+2.141), Veneto (+2.044). Ad avere oltre mille nuovi contagi sono Puglia (+1.983), Lazio (+1.821) e Toscana (+1.510). 

Tutte le altre regioni hanno un incremento a due o tre cifre.

Le vittime

Aumentano le vittime: sono 401 (15 in più rispetto al 19 marzo).

Il numero è sempre elevato, ma nel bollettino sono conteggiati anche decessi pregressi, inseriti in ritardo

Per esempio, l’Abruzzo registra 35 decessi, ma 24 riguardano persone che hanno perso la vita nei giorni scorsi e la Campania ha 28 morti di cui 16 deceduti nelle ultime 48 ore e 12 deceduti in precedenza. 

La Basilicata e la Valle d’Aosta registrano zero lutti, mentre il maggior numero di morti è in Lombardia (+78), Piemonte (+52) ed Emilia-Romagna (+47).

Gli ospedali

Si alza ancora la pressione sugli ospedali

I posti letto occupati nei reparti Covid ordinari sono +203, per un totale di 27.061 ricoverati

I posti letto occupati in terapia intensiva (TI) sono +23, portando il totale dei malati più gravi a 3.387

La variazione dei posti letto occupati, in area critica e non, indica il saldo tra i pazienti usciti e quelli entrati nelle ultime 24 ore

Infatti, i nuovi ingressi in rianimazione sono +243

Il maggior numero di ingressi in TI è in Lombardia (+54), Emilia-Romagna (+34) e Lazio (+29)

I vaccini

Le dosi di vaccino somministrate attualmente sono oltre 7,5 milioni

I cittadini che hanno ricevuto la seconda dose sono più di 2,3 milioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo precedenteIl 21 marzo: Giornata Mondiale della Poesia
Articolo successivoSerie C, Piacenza-Como: le ultime su formazioni e dove vederla