La Buca in uno, si sa, è il sogno di ogni golfista. C’è chi ne millanta diverse, chi è convinto che non la farà mai e chi ne ha segnata una e non lo dimenticherà mai. Di sicuro, quella di Tom Morris Jr. è la prima registrata nella storia del golf.

La prima buca è una questione tra parenti

Il decimo Open Championship della storia vede un field molto particolare. Sono 14 i giocatori a contendersi la Challenge Belt (antenata della Claret Jug), due dei quali sono padre e figlio. Già, Tom Morris senior e Tom Morris Junior sono i protagonisti assoluti del golf “professionistico” dell’800: il padre vince quattro Open Championship in otto anni, mentre il figlio è l’unico in grado di conquistare il Torneo per quattro volte di fila.
Nel 1868 Tom Morris Jr. ottiene il suo primo successo in una lotta di famiglia, Tom Morris sr. arriva in 2° posizione: unica coppia figlio-padre a classificarsi nelle prime due posizioni. In premio ci sono 10£ da dividersi tra i due, non male per i proprietari di uno dei più antichi pro-shop della storia, difatti il “Tom Morris Golf Shop” ha resistito dal metà ‘800 sino al 2018, sostituito dal “The Open Flagship store”.

Buca in uno Young Tom Morris
Young Tom Morris: leggenda del golf, 4 Open consecutivi vinti, primo a far registrare una hole in one in una gara ufficiale. Photo Credit: golfhistorytoday.com

Una gara perfetta, tre giri giocati da campione assoluto

Al Prestwick Golf Club sulla lunghezza di 36 buche (tre giri da dodici), si disputa l’Open Championship 1869. Su 14 partecipanti, cinque si ritirano prima del giro finale. Il montepremi è 12 di sterline, sei delle quali al vincitore.
Primo giro da incorniciare per Tom Morris Jr: 50 colpi tirati, tre di vantaggio su Bob Kirk e Davie Straith. La buca 8 è un par 3 di 150 metri col green protetto dal Sahara, nome del profondo bunker, la palla di Morris jr. batte prima del green, rimbalza poi in avanti e segue dolcemente la curva che porta la palla dritta in buca. L’urlo degli spettatori gli fa intuire che si tratta proprio di una “buca in uno”, facendogli meritare un applauso lungo tutta la buca.
Il secondo giro gli fa guadagnare un altro colpo su Straith, ma è nel terzo che Morris jr. prenderà definitivamente il largo. Un forte vento fa alzare gli score di tutti, tranne il suo. Morris jr conclude in 52, Straith si accontenta di un 60.

Would Old Tom Morris be allowed on GolfWRX... - Tour Talk - GolfWRX
Lo score di Young Tom Morris, da notare il punteggio alla buca 8.
Photo Credits: Prestwick golf Club

Una famiglia giovane, per sempre

La vigilia di Natale, il 24 dicembre 1875, Tom muore all’età di 24 anni per un’emorragia polmonare, dovuta probabilmente ad una polmonite. Quattro mesi prima, la moglie e il figlio neonato, spirano durante il parto. Nonostante la sua brevissima carriera, viene inserito al 14° posto dei golfisti più forti di tutti i tempi da Golf Magazine… ma nella classifica storica delle “Hole in one” rimarrà sempre primo.

La tomba di Tom Morris Jr. al cimitero di St. Andrews.
Photo Credit: thecourier.co.uk

Per rimanere aggiornati seguite la Nostra Pagina Facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA