Calcio

Cagliari, lo scudetto compie 50 anni

Il 12 Aprile 1970 il Cagliari si laureò per la prima volta campione d’Italia. Una squadra inarrestabile che compì una seconda impresa oltre alla conquista del titolo: portare il tricolore nel sud Italia. Prima dei rossoblù non ci era mai riuscito nessuno. Per questo motivo lo scudetto venne festeggiato ovunque nel meridione, dalla Campania alla Sicilia. Una vittoria entrata nella storia e che dopo tanto tempo viene ancora celebrata in Sardegna, in attesa di nuovi traguardi e successi.

Cagliari
12 Aprile 1970 Il colpo di testa di Riva che porta in vantaggio il Cagliari contro il Bari (foto di pubblico dominio wikipeddia.org)

Lo scudetto arriva in casa

Il 12 Aprile del 1970 il Cagliari avrebbe ospitato il Bari nella terzultima giornata di campionato. Per agguantare il sogno sarebbe servita una vittoria: questa infatti avrebbe dato la matematica certezza del primo posto. Davanti ad uno stadio Amsicora gremito, scendono in campo i beniamini di casa: Albertosi tra i pali, Mancin, Martiradonna, Niccolai e Cera in difesa; a centrocampo Poli, Brugnera, Nenè e Domenghini; infine in avanti Gori leggermente dietro a Riva. Seduto in panchina invece c’era Scopigno

Tra le fila del Bari era presente un giocatore particolarmente temuto dai tifosi sardi ovvero, Diomedi. Nato a Calangianus, si trovava in forza ai biancorossi da ben tre anni e gli isolani temevano che potesse siglare una rete e rovinare la festa. Poco tempo prima infatti, un altro sardo, ma con la maglia della Juventus, Cuccureddu, aveva parzialmente rovinato i festeggiamenti rossoblù.

La partita si sblocca al 39′ grazie all’ennesimo gol di Gigi Riva, che quell’anno sarebbe diventato capocannoniere per la terza volta consecutiva. Brugnera batte una punizione da posizione centrale, alzando la palla verso Riva che di testa beffa Spalazzi. L’Amsicora scoppia di gioia. Nel finale di partita arriva anche la ciliegina sulla torta da parte di Gori, che supera per la seconda volta il portiere del Bari con una conclusione da dentro l’area di rigore.

L’impresa del Cagliari è compiuta

A questo punto l’impresa può dirsi compiuta, soprattutto perché dal collegamento via radio Ameri informa che la Lazio ha battuto la Juventus all’Olimpico per 2-0. Non è solo Cagliari a scoppiare di gioia, ma tutta l’Italia e tutti gli emigrati sardi per lavoro o per qualsiasi altra motivazione. La banda di Scopigno ha portato a termine una rivincita per il popolo isolano con un’impresa che non sarà mai dimenticata.

Seguici su Metropolitan Magazine

Back to top button