Calcio

Calciomercato Inter, è già caccia al dopo Dzeko

Meno di un mese per accontentare i propri allenatore. Poco meno di trenta giorni per cercare di migliorare la rosa. Obiettivo: mettere una toppa sugli errori commessi nelle trattative estive o soddisfare le necessità emerse in questa prima metà di stagione. La finestra di riparazione invernale è l’incubo di tutti i direttori sportivi sparsi in giro per il Vecchio Continente: pochi giorni, calciatori su piazza limitati e riluttanza nel cedere, infatti, rendono poco semplice il lavoro degli addetti alle trattative. Il delicato periodo pandemico, con il Covid-19 che ha preso nuovo vigore nei contagi, rende ancor più complicata particolare sessione. Dalla Serie A alla Serie C (passando per gli altri campionati europei), tutti i club cercano di sondare il terreno delle trattative in cerca di occasioni per il presente o di colpi in vista di una futura programmazione. Nello specifico, il calciomercato dell’Inter si concentra su un nuovo acquisto.

Calciomercato Inter, un attaccante nel mirino

Non sta facendo in alcun modo rimpiangere Romelu Lukaku, sta segnando tanti gol e dando un apporto decisivo al collettivo. Edin Dzeko sicuramente è uno degli acquisti più riusciti dell’era Marotta: il bosniaco sta dimostrando di valere molto più di quei pochi milioni spesi. Il dato anagrafico va però tenuto in considerazione e i nerazzurri potrebbero muoversi in anticipo per un centravanti da affiancare e con cui poi sostituire l’attuale numero 9. Calciomercato.com parla dei soliti nomi: da una parte Vlahovic, che però è da considerare più sogno che realtà; dall’altra Gianluca Scamacca, un acquisto di prospettiva e anche di grande fascino per la piazza nerazzurra. Il serbo presenta dei costi che sarebbero proibitivi per l’attuale situazione finanziaria dell’Inter, con tanti grandi top club pronti a fare concorrenza. Scamacca è una soluzione, per quanto esosa economicamente, comunque più abbordabile, sebbene ci sia da valutare se sia pronto o meno per un salto di questo tipo.

Seguici su Metropolitan Magazine

Photo credit: Inter

Back to top button