Camion-bomba in Afghanistan: 20 sono i morti

Camion-bomba esplode in Afghanistan: l’obiettivo era l’edificio dell’intelligence

Camion-bomba esplode in Afghanistan nella provincia di Zabul provocando 20 morti. A riferirlo è il Governatore della provincia aggiungendo che il bersaglio dell’attentato fosse un edificio dell’intelligence in città.

Un camion-bomba imbottito di esplosivi si è diretto contro l’edificio dell’intelligence e contro l’ospedale ha provocato 20 morti e più di 90 feriti.

E’ accaduto all’alba di quest’oggi, un evento tragico, dove a farne le spese sono state donne e bambini oltre che persone del personale medico. L’attentato è stato rivendicato dai Talebani (gruppo politico-religioso ben noto). “Abbiamo condotto un attacco suicida contro il Nds” la direzione nazionale della sicurezza”. A dichiararlo è stato il portavoce dei terroristi Qari Yousuf Ahmadi, sostenendo che l’edificio è stato in gran parte distrutto.

L’ultimo di una lunga serie in questa settimana:

In Aggiunta a questo altri episodi precedenti hanno scosso la pace del paese infatti martedì hanno condotto due attacchi simultanei provocando 50 morti totali sia a Kabul e ad un comizio di Ashraf Ghani nella provincia di Parwan. Inoltre un kamikaze ieri si è fatto esplodere a Jalalabad in cui è seguita una sparatoria tra forze di sicurezza e combattenti.

Cosa sappiamo dei Talebani:

Il termine identifica gli studenti di scuole coraniche di zona iraniana incaricati di alfabetizzare la popolazione tramite i testi sacri. Il termine ha riscosso notorietà a causa dell’uso dei media.Utilizzato soprattutto per identificare la popolazione di orientamento religioso fondamentalista presente in Afghanistan e confinante con il Pakistan.

Sviluppatosi come movimento per la difesa dell’Afghanistan contro il regime Sovietico. Si propone di voler recuperare il portato culturale sociale politico e giuridico dell’islam al fine di creare un Emirato. Per questo si può definire come un periodo di “Rinascimento Orientale” cioè quell’attitudine di recuperare le consuetudini culturali di un tempo rispolverandole.

Dal 1996 fino al 2001 ebbero importanti vittorie che gli fecero governare l’Afghanistan per quel periodo, in tal modo ricevettero un riconoscimento da tre nazioni affini: Emirati Arabi, Arabia Saudita, Pakistan

Il popolo afghano non sembra aver diritto a vivere un periodo di pace. Dovrebbe essere un obbiettivo dell’Onu. Purtroppo gli interessi geopolitici determinano la vita di molti.

Tutta la Attualità

Per altri articoli seguici sulla nostra pagina Facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA