Approfondimenti

Cannabis: tutto quello che c’è da sapere e cosa si è scoperto in campo medico

La cannabis è una pianta storica, multidimensionale e talvolta controversa. La sua versatilità e utilità hanno spinto la cannabis in tutti i tipi di industrie e prodotti, specialmente in campo medico. C’è molta scienza dietro la comprensione della cannabis, ma faremo del nostro meglio per semplificarla: la cannabis è composta da più di 120 componenti, noti come cannabinoidi. Il cannabidiolo (CBD) e il tetraidrocannabinolo (THC), sono i due cannabinoidi più conosciuti e studiati. Il THC è responsabile dello “sballo” che molte persone associano alla cannabis, mentre il CBD è un componente non inebriante e non euforico, che potresti aver visto sotto forma di oli, caramelle gommose, bevande e altri prodotti per scopi medici. Non c’è dubbio che il CBD sia diventato piuttosto popolare e abbia generato una nuova industria. Mentre i ricercatori stanno ancora lavorando per capire quanto efficacemente il CBD possa essere utilizzato per scopi medici, ci sono già stati molti risultati promettenti. Ecco sette modi in cui è stato dimostrato che il CBD apporta benefici alla salute. Uno studio condotto nel 2017 ha rilevato che il CBD ha abbassato la pressione sanguigna dei partecipanti umani. Ha ridotto la pressione sanguigna a riposo e la pressione sanguigna dopo i test di stress tra cui l’aritmetica mentale, l’esercizio isometrico e il test del pressore freddo. È stato dimostrato che il CBD aiuta a ridurre l’infiammazione e il dolore neuropatico che può causare, secondo uno studio molto accreditato è recente

Uno studio del 2018 ha scoperto che il CBD può essere utile per aiutare le persone che soffrono di dipendenza da droghe e alcol

Uno studio del 2018 ha scoperto che il CBD può essere utile per aiutare le persone che soffrono di dipendenza da droghe e alcol. Uno studio preclinico con topi di laboratorio ha stabilito che il CBD ha ridotto le voglie, l’ansia e la mancanza di controllo degli impulsi indotte dallo stress che spesso causano la ricaduta delle persone. L’ansia è forse la malattia più comune per cui le persone hanno usato il CBD e uno studio preclinico ha scoperto che il CBD potrebbe essere efficace nel trattamento del disturbo d’ansia generalizzato, del disturbo di panico, del disturbo d’ansia sociale, del disturbo ossessivo-compulsivo e del disturbo da stress post-traumatico. Uno studio recente ha scoperto che il CBD e altri cannabinoidi non psicoattivi possono essere efficacemente utilizzati per prevenire e curare disturbi gastrointestinali come la sindrome dell’intestino irritabile (IBS), la malattia infiammatoria dell’intestino (IBD), il morbo di Crohn, la colite ulcerosa e altro ancora. Le proprietà antinfiammatorie del CBD sono fondamentali per ridurre e prevenire i sintomi.

Addirittura in questo periodo ci sono degli studi che ipotizzano un possibile aiuto della cannabis anche per trattare o prevenire il covid-19 .E cosa ci fa capire che è un argomento molto importante e delicato che andrà approfondito nei prossimi anni senza nessun pregiudizio nel bene e nel male perché spesso su questo argomentopurtroppo ci sono posizioni ideologiche troppo spinte e contrastanti tra chi vorrebbe vietare e proibire e chi vorrebbe esagerare

Adv

Related Articles

Back to top button