Martin Castrogiovanni, ex campione di rugby e della nazionale italiana ora show man che fa record di ascolti il sabato sera.

Lo conosciamo tutti, amanti di rugby e non solo, Martin Castrogiovanni, L’ex giocatore della nazionale che con la sua grinta, quella tenacia e quei modi di stare in campo ha fatto innamorare numerosi ragazzi al suo sport, quello del rugby.

Dopo una carriera assolutamente da incorniciare sui campi da gioco il “ragazzone” si è dedicato allo spettacolo e alla televisione, prima con Ballando con le stelle e ora come co-conduttore di Tu si que vales. Programma in onda il sabato sera che sta facendo milioni di telespettatori.

Castrogiovanni e la vita in ovale

Castrogiovanni nasce a Parana, in Argentina, il 21 ottobre 1981 da genitori di origini italiane. Sin da subito comincia a giocare a rugby nelle file della squadra cittadina, il Club Atletico Estudiantes. A venti anni arriva in Italia, pronto a giocare con il Calvisano per il suo primo contratto da professionista.

Nel club lombardo, dove rimane fino al 2006, si mette in mostra grazie alle sue qualità e arriva cosi la prima convocazione in nazionale, nel 2002 in un test match contro la Nuova Zelanda. L’anno successivo viene confermato anche per il 6 nazioni e per la coppa del Mondo 2003 in Australia.

Negli anni vissuti a Calvisano, Castrogiovanni vince 1 campionato italiano e 1 coppa Italia. Successivamente si trasferisce a giocare in Inghilterra tra le file dei Leicester Tigers dove rimane fino al 2013.

Con il Leicester Tigers arrivano le più belle soddisfazioni, al primo anno vince il campionato inglese e viene nominato giocatore dell’anno (primo italiano e primo pilone di sempre). Con gli inglesi ha tempo di vincere altri tre titoli (2008-9; 2009-10;2012-13) prima di trasferirsi nuovamente stavolta con direzione Francia.

In Francia veste la maglia rosso nera del Tolone e, arrivano ancora vittorie importanti. Sono bastati due anni tra le fila del club per vincere 1 campionato francese e 2 Champions Cup. Conclude infine la sua carriera giocando il suo ultimo anno al Racing Metro.

Con la nazionale italiana Martin Castrogiovanni ha collezionato 119 presenze ed è stato tra i primi tre a superare proprio le 100 presenze con la maglia azzurra ed è uno dei più presenti di sempre con la maglia azzurra .

Prese parte a tutti i 6 nazioni dall 2003 fino al 2013 e arriva a giocare la sua quarta coppa del Mondo nel 2015 a Londra.

Proprio durante quest’edizione il giocatore azzurro si sente male e viene ricoverato in ospedale. I medici gli danno pochi mesi di vita ma lui si fa operare e dopo solo due mesi torna in campo per giocare.

La sua carriera si chiude nel 2016 giocando una partita con il Club Atletico Estudiantes, proprio dove tutto e cominciato.

castrogiovanni
Martin Castrogiovanni (al centro) con la nazionale durante l’inno di Mameli – credit: Sky Sport

La passione per la televisione

Ancora mentre calcava i campi da gioco Castrogiovanni cominciava a partecipare in programmi televisivi, fino alla consacrazione che arriva per la partecipazione a Ballando con le stelle.

Dal 2017 fa parte del cast di Tu si que Vales come co-conduttore insieme a Belen Rodriguez e Alessio Sakara. Il programma che va in onda il sabato sera su Canale 5 sta facendo il record di ascolti.

Nonostante non abbiamo ancora i dati di ieri sera, nella settimana precedente il programma ha totalizzato il 28,8 % di share con quasi 5 milioni e mezzo di spettatori mentre la settimana precedente il 26,5% degli italiani incollati a guardare il programma.

Cosi Martin Castrogiovanni ha trovato cosa fare fuori dai campi da gioco. Trovando la sua verve artistica come lui stesso ha dichiarato. Si sta dimostrando sempre di più il mattatore del sabato sera e catalizzatore di ascolti.

Martin Castrogiovanni
Martin Catrogiovanni a Tu si que vales con Belen Rodriguez e Alessio Sakara – credit: Witty Tv

Insomma quel ragazzone che sui campi da gioco metteva paura, con quella faccia un pò alla Hagrid, sta diventando il re del sabato sera conquistando sempre di più il pubblico da casa.

Continua a seguire il Rugby sulle pagine di Metropolitan Magazine Italia

© RIPRODUZIONE RISERVATA