Cinema

Catherine Zeta-Jones, potente moglie di Michael Douglas in “I perfetti innamorati”

Il marito è la stella del suo firmamento. Il beato figlio di Kirk Douglas, ereditiere di potere e fascino, è l’amorevole consorte di Catherine Zeta-Jones. Lei, che ha conquistato l’America con il sorriso, su tutte le copertine vicino a Michael, sembra sfidare in un duello all’ultima chioma, Julia Roberts, coprotagonista in “I perfetti innamorati“. Film del 2001, che già vede scritto sul copione la parola rivalità, tra le due sorelle di set.

Una collaborazione al sapore di competizione, tra le due attrici più pagate e ammirate di Hollywood; il veterano sogno di “Pretty woman” e del suo Edward, la rossa Julia, contro il corvino di Catherine, divenuto il caschetto più famoso di “Chicago“. “I perfetti innamorati“, stasera in tv su Paramount Network, è la commedia romantica, il classico ‘pezzo americano’ da accompagnare con pop corn e hot dog, come in un drive in. Dove due coniugi in crisi, sono costretti a salvare le apparenze in vista della promozione del film che li vede recitare uno al fianco dell’altro, attori e marito e moglie nella vita. Ma, c’è una ragione di più, a rendere appetibile il film: le due dive per eccellenza insieme sul set, idea stravagante, e forse anche ‘sudata’, del regista Joe Roth. Ma, quando l’America chiama, non si può non rispondere.

‘I perfetti innamorati’ sono i Douglas

I Perfetti Innamorati – TRAILER – Da YouTube

Catherine, che dichiara di prendere in prestito l’hula hoop dei figli per mantenersi in forma, lei che da sconosciuta, fu scartata al suo primo provino per un musical perché ritenuta troppo sexy, accetta il ruolo nel film di stasera in tv “I perfetti innamorati“, pur dovendo recitare la parte di donna falsa e egocentrica. Non temendo di poter essere vicina a questa immagine, in quanto moglie dell’onnipotente Douglas. Una grande differenza d’età tra i due, a rendere il loro legame ancora più chiacchierato, ma inossidabile. E a dirlo è il tempo trascorso. Nati nello stesso giorno, quel 25 Settembre, diventa la congiunzione astrale tra Catherine e Michael; il fato che unisce due stelle del cinema.

I perfetti innamorati“, con Catherine Zeta Jones che interpreta Gwen, ci racconta Hollywood come l’abbiamo sempre immaginata: i fasti di produttori disposti a tutto, pur di portare in alto la pellicola in uscita. Il mondo delle regalie, delle vacanze spesate per comprare la critica positiva dei giornalisti. Un mercimonio, il rapporto tra registi e attori. In chiave grottesca e ironica, assaporiamo quello che si cela dietro la macchina da presa, tutto ciò che non compare ma che è legge nel mondo dorato del cinema. Quanto sia bello ammirare una coppia diversa dalla status corrotto, ce lo dicono i due sposini Douglas: il sogno del loro matrimonio e dei figli avuti, sembra un’altra magica realtà.

Catherine Zeta Jones , tutto su di lei

I Perfetti Innamorati-Catherine Zeta-Jones– Da YouTube

Si spiffera ad Hollywood, non dal solito informato parrucchiere, ma nei corridoi dei palazzi che contano, che appena 13 giorni dopo il loro incontro, Michael, tutto suo padre, le inviò il primo camion carico di rose rosse. Da allora non si separarono, tra l’attico e la villa ai Caraibi correvano telefonate e pensieri. Da sposati non perdono una festa insieme. Ad Halloween lui era Lawrence d’Arabia, lei una trasparente fasciata Jean Harlow. Sempre mano nella mano. Il figlio di una leggenda d’America e una gallese bellissima, che all’epoca del loro incontro promuoveva “La Maschera di Zorro“. Galeotta fu una cena, dove avevano detto a Catherine che Michael voleva conoscerla: “Ero un po’ nervosa, non sapevo bene perché volesse incontrarmi..“, ammise alla stampa. Complici Antonio Banderas come dalla cornice del Mulino Bianco, e la moglie Melanie Griffith, che li hanno fatti avvicinare. Hanno impiegato Nove mesi, prima di stare insieme. Poi fu un susseguirsi di affetto, di attenzioni che Michael rivolgeva a lei: come, anche un’ambulanza, espressamente richiesta da lui, che l’aspetta fuori, quando incinta, ritirò la statuetta come miglior attrice non protagonista per “Chicago“.

Federica De Candia per MMI e Metropolitan Cinema. Seguici!

Back to top button