Economia

Cessione del quinto INPS: come funziona

Adv

La cessione del quinto è un prestito personale non finalizzato che possono richiedere i dipendenti pubblici e privati e i pensionati residenti in Italia. In questo articolo spieghiamo come funziona la cessione del quinto INPS. Questa tipologia di prestito è accessibile sia ai pensionati del settore privato che agli ex dipendenti pubblici.

Come funziona la cessione del quinto INPS?

Per richiedere la cessione del quinto online è consigliabile affidarsi ad un’agenzia finanziaria convenzionata con l’INPS, l’ente che provvederà a versare la somma richiesta. Progetto Quinto è convenzionato con INPS, perciò può elaborare la comunicazione di cedibilità in forma telematica direttamente all’Ente ai tassi di interesse stabiliti dalla convenzione.

La cessione del quinto INPS differisce dal prestito personale poiché la rata di rimborso del finanziamento viene trattenuta direttamente dalla pensione mentre il prestito personale viene pagato dal cliente con l’addebito in conto corrente o tramite bollettino postale. La differenza è sostanziale per i pensionati che non amano indebitarsi con scadenze che possono essere dimenticate o magari ritenute pesanti da sostenere mensilmente.

La cessione del quinto rientra nei prestiti non finalizzati, che possono essere richiesti senza dover giustificare i motivi alla base del bisogno di liquidità. I prestiti finalizzati diversamente vengono erogati alla società che vende i prodotti o i servizi acquistati.

Caratteristiche della cessione del quinto

La cessione del quinto è un finanziamento a tasso fisso, l’importo della rata trattenuta non può superare il valore di un quinto della pensione, ovvero il 20%. La durata del prestito parte da un minimo di 24 mesi ad un massimo di 120 mesi. L’importo massimo finanziabile è di €. 75000.00 e i pensionati possono richiederlo fino agli 85 anni di età.

Calcolare la rata è semplice, basta moltiplicare il numero di mensilità della pensione per 13 e poi dividerlo per 12 e successivamente per 5. Dopo aver ottenuto il massimo cedibile è importante affidarsi a professionisti del settore che sono in grado di spiegare con chiarezza gli altri costi connessi all’operazione, ovvero le polizze assicurative obbligatorie e i tassi di interesse.

Richiedere la cessione del quinto con la finanziaria Progetto Quinto è semplice, occorre compilare il modulo di contatto dell’agenzia finanziaria per avere il supporto di un consulente dedicato e ricevere un preventivo immediato, il processo è facile e veloce.

I documenti da presentare sono il cedolino della pensione, un documento di identità ed il codice fiscale.

I vantaggi della cessione del quinto, oltre al fatto che la rata è trattenuta direttamente dalla pensione sono legati alla rata e al tasso di interesse fisso per tutta la durata del prestito che comunque si può sempre estinguere anticipatamente.

Il calcolo del TAN e del TAEG

I parametri da valutare per calcolare l’importo effettivo della rata mensile sono il TAN e il TAEG. Il TAN, acronimo di tasso annuo nominale è l’interesse espresso in percentuale, nelle 12 rate mensili del rimborso, destinato alla finanziaria che si occupa dell’erogazione della cessione del quinto. Il TAEG, acronimo di tasso annuo effettivo globale, è il tasso virtuale che comprende le spese obbligatorie del prestito, ovvero le polizze assicurative.

La cessione del quinto prevede l’obbligo di stipulare una polizza vita e una polizza rischio impiego, le polizze sono obbligatorie per legge e offrono una garanzia sia al cliente che alla finanziaria. L’assicurazione vita, nel caso dei pensionati, copre il debito residuo nel caso di decesso del cliente, che sarà rimborsato dalla finanziaria.

Le disposizioni legislative

La legge che regolamenta la cessione del quinto è la n. 180/50. Le linee guida sono uguali per tutti i richiedenti, le finanziarie devono attenersi alle disposizioni per tutti gli aspetti, ad eccezione del tasso di interesse applicato al prestito. Per questo è importante valutare il costo del TAN e del TAEG che per trasparenza l’agenzia comunica al contraente insieme al costo delle polizze obbligatorie.

La cessione del quinto era inizialmente un provvedimento regio nato a metà dell’800 su iniziativa di Vittorio Emanuele II. Inizialmente era destinato esclusivamente ai dipendenti dello Stato. Con la legge finanziaria 311 del 30 dicembre viene esteso anche ai pensionati che possono usufruire della cessione del quinto con estrema facilità.

Vantaggi e progetti

I vantaggi della cessione del quinto INPS sono molti, non è necessaria alcuna garanzia e sono accessibili anche ai cattivi pagatori.

La liquidità permette di realizzare progetti importanti, come ad esempio ristrutturare la propria casa oppure aiutare i propri figli a comprarne una, cambiare la mobilia o gli elettrodomestici, oppure affrontare spese mediche costose, come ad esempio interventi chirurgici oppure odontoiatrici.

Redazione a cura di LinkEasy

Related Articles

Back to top button