Sfuma Kiev solo per un goal: la Roma vince 4-2 contro il Liverpool, ma non basta

“Per noi è come se fosse già la Finale di Uefa Champions League, di fronte a 70.000 tifosi, quindi vi aspettate una squadra che si arrenderà fin dall’inizio? No. Saremo lì per la sfida, perché l’intera squadra darà tutto quello che avrà per proseguire”. Eusebio Di Francesco non poteva presentare meglio la partita di stasera valevole per l’ingresso diretto alla Finale di Champions: Roma-Liverpool.

FORMAZIONI

ROMA (4-3-3): Alisson; Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov; Pellegrini, De Rossi, Naingolaan; Schick, Dzeko, El Shaarawy.  All. Eusebio Di Francesco

LIVERPOOL (4-3-3): Karius; Alexander-Arnold, Lovren, Van Dijk, Robertson; Wijnaldum, Henderson, Milner; Salah, Firmino, Mane’.  All. Jurgen Klopp

Di Francesco, rispetto alla gara di andata, torna alla difesa a quattro con Florenzi, Manolas, Fazio e Kolarov, con Pellegrini titolare che torna a centrocampo e in avanti attacco a 3 con El Shaarawy-Dzeko-Schick. Klopp conferma quasi in toto la formazione che ha fatto benissimo nella gara di Liverpool, con l’unica eccezione di Wijnaldum al posto dell’infortunato Oxlade-Chamberlain.

Risultati immagini per klopp e di francesco
I due allenatori a confronto: Klopp e Di Francesco – immagine fonte web

PRECEDENTI

Tra i Reds e la Roma sarà il settimo incontro nelle competizioni europee: gli inglesi sono in vantaggio con 3 vittorie, l’ultima vinta proprio ad Anfield per 5-2 dopo una strepitosa prova dell’ex Salah, invece i giallorossi vantano solo di 1 vittoria. Gli scontri restanti sono pareggi. 

Risultati immagini per roma liverpool
Il secondo goal di Salah all’andata – immagine fonte web

CRONACA

Uno stadio stracolmo con un sold-out incredibile, che supera addirittura gli incassi di Inter-Juventus di scorsa settimana, ma stiamo parlando di un palcoscenico ben diverso, di una coppa ben diversa: la Champions League. L’inno storico di questa prestigiosa competizione viene accompagnato dalla bolgia dei tifosi giallo-rossi, che non vogliono proprio abbandonare la propria squadra, neanche di fronte ad un Liverpool di questa qualità che ha messo tutti in difficoltà.

Il calcio d’inizio viene affidato alla Roma che parte bene, schiacciando il Liverpool nella propria metà campo grazie ad un buon giro-palla, ma al 9′ di gioco i capitolini rendono tutto troppo facile agli inglesi per un passaggio sbagliatissimo di Naingolaan: parte il contropiede inglese con Firmino che appoggia sulla sinistra per Mane’ e faccia-faccia con Alisson non sbaglia e insacca l’1-0 abbastanza demoralizzante per i giallo-rossi.

Risultati immagini per roma liverpool mane'
Il momento del tiro di Sadio Mané – immagine di “Daily Star”

Ma la partita torna in equilibrio grazie ad un rimpallo fortunato qualche minuto dopo che premia gli sforzi della Roma: Florenzi va al cross dalla destra, c’è la sponda di testa di El Shaarawy per Dzeko, arriva prima Lovren che rinvia, colpendo involontariamente Milner, che insacca nella propria porta il pareggio che restituisce euforia all’ambiente giallo-rosso. Un goal rinvigorente che permette agli uomini di Di Francesco di tornare a spingere in avanti, ma la tattica difensiva di Klopp per ora sta avendo la meglio.

Risultati immagini per roma liverpool ritorno champions
De Rossi e Alisson festeggiano l’1-1 – immagine di “Corriere dello Sport”

Questo Liverpool però è molto pericoloso, con i ritmi di gara che non accennano ad abbassarsi, arrivando a sfiorare la rete del raddoppio al 25′: Robertson ha tanto spazio sulla sinistra, supera Florenzi in corsa e dal fondo mette in mezzo per Manè, che con il sinistro punta il primo palo ma trova un grande intervento di Alisson. Nonostante il salvataggio del portiere brasiliano, da calcio d’angolo non può fare altri miracoli: a causa di un retropassaggio rovinoso di Dzeko la palla finisce a Wijnaldum, che si ritrova solissimo a colpire di testa l’1-2 che complica ancor di più la gara dei capitolini.

Risultati immagini per roma liverpool wijnaldum
Wijnaldum e la sua concentrazione – immagine di “Calcio News 24”

Ma la Dea bendata non è sempre favorevole, come tra l’altro accade al 35′ per i giallorossiEl Shaarawy decide di fare tutto da solo, liberandosi di Alexander Arnold per scaricare un destro a giro da fuori area, ma c’è una deviazione decisiva di Milner che fa sbattere la sfera sul palo alla sinistra del portiere, con Karius che non ci sarebbe mai arrivato. Il Liverpool però sa bene di doversi riprendere in qualche modo, facendo quello che sa far meglio: attaccare. Per questo cerca di alzare il proprio baricentro con le ripartenze dei velocisti di fascia e con l’appoggio dei laterali difensivi, guadagnando qualche calcio d’angolo.

La Roma rimane comunque propositiva e decisa nel voler riprendere la propria marcia, gestendo un contropiede veloce con El Shaarawy che cerca di superare Lovren, ma il difensore dei Reds non è della stessa idea e sbraccia al limite dell’area l’ex Milan, ricevendo ammonizione. L’arbitro di gara Skomina assegna 1′ di recupero, ma non succede nient’altro fino al doppio fischio che manda le squadre negli spogliatoi. Un primo tempo decisamente amaro per la squadra di Di Francesco, che va a riposo sotto 1-2 contro un vero e proprio Everest da scalare, dopo essersi complicata la vita per gli errori di Naingolaan e Dzeko che hanno regalato due goal facili facili a Mané e Wijnaldum. 

Risultati immagini per roma liverpool champions 2-2
Fine primo tempo: 1-2 per il Liverpool – immagine fonte web

La seconda frazione si riapre con delle fiammate degli attaccanti del Liverpool che si gettano all’attacco della trequarti giallorossa, ma bastano 7′ alla Roma per siglare il goal del rinnovato pareggio con Dzeko: ripartenza letta male dalla retroguardia dei Reds che si fa trovare scoperta, El Shaarawy ne approfitta, entra in area e calcia con il destro a giro, Karius in un primo istante respinge, ma il pallone finisce in zona Dzeko, col bosniaco che controlla e mette a segno.

Risultati immagini per roma liverpool dzeko
Dzeko e la palla sotto braccio dopo aver segnato il 2-2 – immagine fonte web

Ci crede ancora la Roma che dopo questa rete riacquista ancor di più fiducia nei propri mezzi, con Di Francesco che vuole il tutto per tutto favorendo un modulo maggiormente offensivo, inserendo Under in un 4-2-3-1.

Il pressing difatti raddoppia con l’ingresso in campo del turco, subito grazie ad un lancio smarcante perfetto di De Rossi in verticale, Under arriva in corsa a tu per tu con Karius, riuscendo a toccare di poco il pallone, ma troppo debolmente e centralmente. L’occasione clamorosa però arriva al 63′: Nainggolan mette in mezzo dalla destra, Dzeko devia di testa, aprendo per El Shaarawy che conclude prepotentemente in porta, ma da due passi trova l’opposizione di Van Dijk, probabilmente con un tocco sospetto di braccio che scatena le proteste dei giallorossi. 

Risultati immagini per roma liverpool el shaarawy
El Shaarawy sconsolato – immagine di “Sportface.it”

Sembra quasi che la Roma non voglia più segnare, andando ancora ad un passo dal gol, perdendo un’ottima chance poco dopo: De Rossi scodella in avanti, trovando in posizione regolare Dzeko che deve perdere tempo per girarsi, trovando con il sinistro solo l’esterno della rete. Ma il Liverpool non vuole farsi schiacciare ulteriormente, provando a ripartire con Salah che vede il taglio di Firmino, servendolo in area, con il centravanti brasiliano che conclude in diagonale, dovendo rimandare l’esultanza per un intervento strepitoso di Alisson che respinge.

L’allenatore della Roma capisce che c’è bisogno di energie e forze fresche, per questo decide dal 70′ di effettuare due sostituzioni: prima De Rossi con Gonalons, poi El Shaarawy con Antonucci, prima presenza per lui in Champions League. La partita si blocca nuovamente poco dopo per un’entrata a forbice di Florenzi su Mané, e il laterale difensivo della Roma riceve giallo. Dopo le mosse di Di Francesco anche Klopp opta per una sostituzione, proprio per rinforzare la retroguardia: dentro Klavan e fuori Mané.

Si creano scintille in campo per un intervento di Robertson che commette fallo su Florenzi sulla linea del fallo laterale, prende il giallo, ma poi Manolas gliene dice quattro per la brutta entrata sul compagno, venendo ammonito anche lui. La squadra giallorossa è indemoniata, arrivando infatti a concretizzare il 3-2 con una gran botta da fuori di Naingolaan all’86’: Kolarov appoggia per il belga, che fa partire un destro fantastico da fuori area, toccando il palo prima per poi terminare in porta.

Risultati immagini per roma liverpool nainggolan
Il controllo di palla di Naingolaan – immagine di “Sportface.it”

Dopo il rintocco del 90′ vengono concessi solo 3′ di recupero, e Klopp a questo punto si sente in dovere di coprirsi ulteriormente con l’entrata di Solanke per Firmino, ricevendo subito giallo per perdita di tempo. Poi sceglie l’ingresso in campo di Clyne per Alexander-Arnold, il peggiore dei suoi questa sera. Inaspettatamente, proprio a ridosso della fine del match, la Roma conquista un calcio di rigore per fallo di mano di Klavan: Nainggolan dal dischetto non cincischia e mette a sedere Karius per il gol del 4-2

Ma il tempo a disposizione per i capitolini finisce qui, così come il loro sogno di raggiungere la finale di Kiev: Roma-Liverpool finisce 4-2, col risultato totale di 6-7 considerando l’andata. Senza un goal la Roma concede quindi l’accesso alla finale al Liverpool, che esce dall’arena della capitale molto sofferente, avendo rischiato non poco in questo secondo tempo, nonostante il largo punteggio d’andata. 

Risultati immagini per roma liverpool dzeko
Roma-Liverpool finisce 4-2, ma non basta per andare in finale – immagine di “Forzaroma.info”

di Yvonne Alessandro

© RIPRODUZIONE RISERVATA