Cronaca

A chi interessa distruggere la pineta di Castel Fusano?

Una lunga giornata di passione ieri per i vigili del fuoco a Roma. Ben quattro gli incendi, ognuno in una zona diversa della Capitale, dall’Eur a Castel Fusano passando per la Tuscolana e la Tiburtina. E si sospetta un’unica mano dietro i roghi.

Un vasto incendio ha interessato la zona Magliana del quartiere Eur di Roma, proprio alle spalle del Palazzo della Civiltà Italiana (più noto tra i romani come “Colosseo Quadrato”). Il fuoco ha distrutto un cantiere navale che si occupava di riparazione di piccoli natanti. I vigili del fuoco hanno riferito che nell’incendio il cantiere navale è andato completamente distrutto. Tutto il contenuto dei capannoni, barche, gommoni, resine, nonché l’eternit di cui erano costruiti in parte i capannoni è bruciato.

Dalla zona si è alzata una densa colonna di fumo nero, visibile per chilometri. Il cantiere navale è risultato essere privo delle autorizzazioni per l’occupazione del demanio pubblico, oltre che soggetto in passato a sequestro per abuso edilizio.

Altri incendi hanno interessato l’uscita della Tiburtina sul Grande Raccordo Anulare, alcune aree dei quartieri di Pietralata e Rebibbia e le vie Salaria e Tuscolana. Ma il vero obiettivo dei roghi sembrava essere un altro: la pineta di Castel Fusano. Non è sfuggito agli inquirenti la coincidenza temporale dei roghi, quasi a voler tenere impegnati i vigili del fuoco lontani dalla pineta.

Come riporta Il Messaggero, i carabinieri di Ostia indagano per cercare riscontri a questa ipotesi investigativa. A far credere che i vari focolai siano collegati in un disegno che converge su Castel Fusano sono i tempi. Per esempio, il 17 luglio, il primo incendio scoppia nelle immediate vicinanze dell’ospedale Sant’Andrea, a Roma Nord. Immediatamente dopo scoppia l’incendio nella pineta di Castel Fusano. Ieri, il copione si è ripetuto: prima l’incendio all’Eur, mezzora dopo le fiamme tornano a colpire la pineta.

«È come se ci fosse un disegno teso a smobilitare la presenza dei soccorritori lì dove serve, per poi colpire in modo aggressivo altrove». Questo quanto trapela dalle indagini, serrate, dei carabinieri. I vigili del fuoco, che hanno operato a Castel Fusano con due squadre, un canadair e alcuni elicotteri, hanno poi trovato i resti di tre inneschi. L’area colpita era già stata oggetto di un grande incendio nel 2000, e l’opera degli incendiari ha danneggiato gravemente le opere di rimboschimento messe in atto da allora.

Quale interesse inconfessabile vuole mettere le mani sulla pineta di Castel Fusano?

Lorenzo Spizzirri

Back to top button