Attualità

Chiara Ferragni difende l’aborto e va contro Fratelli d’Italia

“Ora è il nostro tempo di agire e far sì che queste cose non accadano. FdI ha reso praticamente impossibile abortire nelle Marche che governa. Una politica che rischia di diventare nazionale se la destra vince le elezioni“. L’attacco frontale arriva non da un leader politico del centrosinistra, bensì da Chiara Ferragni, imprenditrice e influencer più famosa d’Italia e tra le più seguite al mondo

L’imprenditrice digitale ha condiviso un articolo pubblicato dal Guardian e ripreso da TheVision che denuncia quanto sia complesso abortire nelle Marche, regione governata da Fratelli d’Italia dal 2020 che conta una percentuale del 71% di medici o personale sanitario obiettore. Centinaia le donne costrette a spostarsi in altre regioni d’Italia per poter abortire. Non solo. Sempre dal 2020, il consiglio regionale marchigiano ha deciso di non applicare la misura prevista dal Ministero della Salute che consente anche alle cliniche di fornire la pillola abortiva. “Oggi è il nostro tempo di agire per far sì che queste cose non accadano”, scrive l’influencer. Un intervento che arriva a circa un mese dal voto e che ha un suo peso specifico, soprattutto in considerazione della platea internazionale della quale gode la Ferragni e del seguito italiano composto in larga parte da giovani adulti.

credit: elle

Ferragni, che non è nuova a prendere posizioni nette sui diritti civili, così come il marito Fedez, che ha più volte polemizzato col segretario della Lega Matteo Salvini, ha pubblicato una storia su Instagram con una foto di una sala operatoria, contestando la politica della Regione Marche sull’interruzione di gravidanza, all’indomani dell’apertura della campagna elettorale di Giorgia Meloni, che è avvenuta proprio in quella regione, governata dall’esponente di FdI Francesco Acquaroli.

Una presa di posizione netta contro la destra, che ha quasi immediatamente suscitato il plauso di alcuni politici del centrosinistra: “Grazie a Chiara Ferragni – scrive la dem Alessia Morani – si accende un faro sulle Marche governate da FdI. Sono due anni che portiamo avanti questa battaglia da sole nell’indifferenza dei più”, mentre il commissario regionale del Pd, Alberto Losacco, osserva che “in una regione con un altissimo numero di medici obiettori, la Giunta regionale ha scelto di non recepire le direttive nazionali del 2020 sulla pillola abortiva, dicendo che qui nascono pochi bambini e che la natalità viene prima del diritto di scelta delle donne. Questa regione – prosegue – che la Meloni indica come modello per il Paese, è un laboratorio dei diritti negati, proprio come il Texas, come l’Ungheria di Orban. Chiara Ferragni ha ragione da vendere”.

Infine, la senatrice ed ex ministro Valeria Fedeli scrive: “Brava Chiara Ferragni! Difendiamo l’aborto, la maternità consapevole e la salute delle donne. Nella Regione Marche, laboratorio della destra più nera, i diritti sono sotto attacco. Rischiamo ora che lo siano in tutta Italia. Chiediamo a Meloni: cosa pensa, onorevole, della Legge 194?”. 

Back to top button