Cronaca

Coronavirus, Bari i cittadini chiacchierano e fanno assembramenti

A Bari il Lockdown non sembra preoccupare, i cittadini chiacchierano e fanno assembramenti, in barba al Coronavirus ed ai decreti.

Assembramenti a Bari, il sindaco chiude i distributori automatici per combattere i gruppi di persone

Il sindaco Antonio Decaro non ha compito facile, i suoi cittadini infatti in barba al decreto chiacchierano tranquilli in assembramenti come se nulla fosse. La quarantena del Coronavirus viene evasa, il sindaco è costretto a chiudere i distributori automatici h24. Una decisione presa in base alle segnalazioni arrivate al sindaco. Alcuni cittadini denunciano assembramenti davanti le macchine dei distributori automatici.

Una decisione scomoda da prendere, che lascerà scontenti sicuramente quelle persone che utilizzavano la fila come una ricreazione. Le misure di contenimento venivano evase non rispettando le procedure di salvaguardia riguardanti gli ingressi controllati nei locali. File strette e vicine, in cui le persone chiacchieravano dimenticandosi dei loro “doveri”.

Arrivano quindi i provvedimenti di chiusura richiesti da quelle persone più coscienziose. Una responsabilità individuale non raccolta da molti cittadini, che vedono la fila come un’opportunità di socializzare.

Sembra che i nuovi 48 casi di contagio non sortiscano effetto a quelle persone che “evadono” la quarantena. I nuovi casi si sommano ai precedenti 200 contagi e 16 morti. I tamponi analizzati sono circa 2017, 90 persone in quarantena fiduciaria e 116 ricoverati negli ospedali della regione.

Antonio Decaro dichiara:”In questi giorni tante sono le segnalazioni arrivate sugli assembramenti di giovani e meno giovani all’interno dei locali dove sono installati i distributori automatici e visto che i gestori non hanno provveduto a quanto indicato nel decreto del governo sulla gestione degli ingressi abbiamo disposto la chiusura

Prosegue affermando che il primo e necessario bisogno riguarda la tutela della salute pubblica, ormai messa in pericolo dalle persone inosservanti del decreto, dichiarando come le misure di chiusura sono necessarie per arginare la mancanza di responsabilità individuale del singolo. I distributori rimarranno chiusi fino al 3 Aprile su tutto il territorio barese.

Seguici su la nostra pagina Facebook

Visita il nostro sito Ufficiale

Back to top button