Era nell’aria e adesso è realtà la decisione del presidente Gaudenzi e di tutta l’organizzazione: l’ATP sospende il Tour fino al 26 aprile. Lo stop di sei settimane coinvolge un totale di sei tornei, tra cui i Master di Miami e di Montecarlo. Dopo essersi fermata NBA, Liga spagnola e altri campionati di diverse discipline, adesso il Coronavirus ha bloccato definitivamente anche l’ATP.

Coronavirus ATP, le parole di Gaudenzi:

Tramite un comunicato sul sito dell’ATP il presidente Andrea Gaudenzi ha espresso il suo rammarico per la decisione drastica ma corretta per salvaguardare la salute di tifosi, giocatori e staff. Queste le parole di Gaudenzi:

“Non è stata una decisione presa alla leggera, e rappresenta una grossa perdita per i tornei, i giocatori e i tifosi. Crediamo sia un atto responsabile e necessario in questo momento per proteggere la salute e la sicurezza di giocatori, staff della comunità del pubblico e della sanità pubblica in generale di fronte a questa pandemia globale. La natura globale del nostro sport e i viaggi internazionali richiesti presentano dei rischi e sfide significativi nelle circostanze odierne, come anche l’aumento delle direttive restrittive date dalle autorità locali. Monitoriamo quotidianamente la situazione e non vediamo l’ora che il Tour ricominci quando la situazione migliorerà. Nel frattempo i nostri pensieri vanno a tutti coloro che sono stati colpiti dal virus”. 

Dopo la decisione di sospendere il Master di Indian Wells, il blocco si estende fino al 26 aprile. Questi i tornei coinvolti: Master 1000 di Miami, il 250 di Houston, il Grand Prix Hassan II di Marrakech, il Rolex Monte-Carlo Masters, il Barcelona Open e l’Hungarian Open di Budapest.

© RIPRODUZIONE RISERVATA