ApprofondimentiAttualità

Coronavirus, nipote si fa ricoverare con lo zio affetto da sindrome di Down

La storia di un eroe dei giorni nostri: il nipote asintomatico si fa ricoverare per assistere lo zio che ha contratto il Coronavirus, perché quest’ultimo, affetto da sindrome di Down, non è autosufficiente.

Il nipote insieme allo zio per aiutarlo nella lotta contro il Coronavirus

Matteo Merolla è un ragazzo di 29 anni che ha contratto il Coronavirus, ma è asintomatico. Anche lo zio, un uomo di 50 anni affetto da sindrome di Down, come lui ha contratto il virus, ma a differenza sua è stato ricoverato in gravi condizioni. Il giovane non ci ha pensato due volte: ha deciso di restare in ospedale – il Celio di Roma – con lo zio, per non lasciargli la mano durante il lungo e tortuoso percorso di guarigione.

“Ha pianto tutto il tempo perché non capiva quello che gli stava succedendo”

Il 29enne ha raccontato: “Mio zio, Paolo, è stato ricoverato d’urgenza al Celio ed è stato subito sottoposto a due Tac. Gli è stata riscontrata una grave polmonite, aveva febbre, tosse forte, giramenti di testa costanti, debolezza e malessere generale. La prima notte è stato molto male, continuava a svenire e ad addormentarsi, non gli arrivava abbastanza ossigeno e lui ha pianto tutto il tempo perché non capiva quello che gli stava succedendo. Era molto spaventato”.

Il Celio ha fatto un’eccezione per zio e nipote

Il giovane ha anche spiegato che il virus ha attaccato l’uomo in modo particolarmente aggressivo anche e soprattutto perché, da bambino, allo zio era stata asportata una piccola parte di un polmone. L’uomo, spiega il nipote, non è autosufficiente, ed è per questo che ha fatto richiesta al Celio per non lasciarlo da solo; così, l’ospedale della Capitale ha deciso di fare un’eccezione, permettendo a Matteo Merolla di restare accanto allo zio per un paio di settimane.

Il lieto fine

Matteo e Paolo sono stati in ospedale dal 3 al 18 novembre. Finalmente, oggi, la bella notizia: zio e nipote sono risultati negativi all’ultimo tampone. Finalmente, oggi, possono fare ritorno a casa, come sempre insieme.

Resta aggiornato su tutta l’Attualità di Metropolitan Magazine, e segui la pagina Facebook.

Back to top button