Cinema

Daniel Radcliffe, il lato segreto di Harry Potter

23 luglio 1989: nasce Londra Daniel Radcliffe. Attore cinematografico e teatrale, ha raggiunto la celebrità da giovanissimo. Inizia a recitare nel 1999, a 10 anni, nel ruolo di un giovane David Copperfeld. La pellicola è un adattamento prodotto dalla BBC del celebre romanzo dello scrittore inglese Charles Dickens (1812-1870). A soli 11 anni, poi, viene scritturato per il film Harry Potter e la pietra filosofale (Chris Columbus, 2001). È qui che veste per la prima volta i panni di Harry Potter, il maghetto protagonista di una delle serie letterarie e poi cinematografiche più famose di tutti i tempi. Grazie a questo ruolo ottiene fama mondiale.

La serie cinematografica di Harry Potter lo accompagna per ben dieci anni. Durante le riprese delle ultime pellicole di questo progetto, l’attore si cimenta contemporaneamente in alcune produzioni teatrali. Anche dopo aver finito di girare l’ultimo film della saga, Harry Potter e I doni della morte – Parte 2 (David Yates, 2011), il giovane ha continuato sempre ad alternare teatro e cinema.

Daniel Radcliffe: alcune curiosità

Daniel Radcliffe è stato fin dalla tenera età sotto i riflettori. Di conseguenza, molti dettagli relativi alla sua vita privata e lavorativa sono ben conosciuti. Questo è vero soprattutto per quanto riguarda i fan più accaniti. Noi, quindi, vogliamo proporre qui alcuni aneddoti che, forse, ancora non sapete su di lui.

Anche Harry Potter ha il suo Harry Potter preferito

Il mago più conosciuto del cinema si è esposto per quanto riguarda il suo film preferito della serie di Harry Potter. Lo ha fatto parlando con la rivista Wired. Qui ha dichiarato di amare tantissimo il quinto capitolo della serie, Harry Potter e l’Ordine della Fenice (David Yates, 2007). La spiegazione data per questo è il fatto che ama molto la relazione tra Harry e Sirius Black (Gary Oldman) e come si sviluppa all’interno della pellicola. Inoltre, ha aggiunto che è forse quello che gli è piaciuto di più girare. Infine, ha affermato di adorare anche l’ultimo capitolo della saga, Harry Potter e I doni della morte-Parte 2.

Da mago a poeta

Daniel Radcliffe ha publlicato delle poese anni fa. Alcune di esse sono apparse nella rivista Rubbish Magazine. Nessuno, tuttavia, lo ha saputo se non molto tempo dopo. Infatti, l’attore aveva firmato i suoi scritti utilizzando lo pseudonimo Jacob Gershon. Questa nuova “identità” è stato creata usando il suo secondo nome, Jacob, e il cognome da nubile di sua madre, Gresham, in versione ebraica.

Daniel Radcliffe: uno Spider-Man mancato

L’attore era tra i candidati per il ruolo di Peter Parker/Spider-Man nella pellicola The Amazing Spider-Man (Mark Webb, 2012). Il ruolo è però poi andato al collega Andrew Garfield. Interessante è anche il fatto che il Nostro abbia più volte dichiarato che è proprio Spider-Man il supereroe in cui si rivede di più. Ha aggiunto, inoltre, che è forse il suo preferito.

La passione per la musica

Il giovane è un grande appassionato di musica. Suona anche uno strumento, il basso elettrico. In giovane età, a dargli qualche lezione è stato un inedito maestro. Quando aveva 14 anni, infatti, nel set di Harry Potter c’era un altro bass player. Si tratta di Gary Oldman. Il collega ha insegnato qualche trucco al ragazzo. Tra questi vi era anche il riff di basso della canzone Come Together dei Beatles (Abbey Road, 1969).

Seguici su Metropolitan Magazine Italia e Il cinema di Metropolitan.

Giorgia Silvestri

Back to top button