Cinema

David di Donatello: le cinque attrici a contendersi il premio di miglior protagonista

I film vivono grazie allo straordinario lavoro delle proprie interpreti. Sono loro che grazie ai gesti, alle espressioni e alle intenzioni della voce regalano agli spettatori personaggi indimenticabili con i quali e grazie ai quali sognare, riflettere e imparare. La cerimonia dei David di Donatello ricorda quanto la figura dell’attore sia fondamentale per fare cinema e ne premia il talento. Tra le 21 categorie individuate dall’Accademia del Cinema Italiano c’è anche quella destinata alla “Miglior attrice protagonista“. La statuetta verrà assegnata questa sera al Teatro dell’Opera di Roma durante la cerimonia condotta da Carlo Conti. La diretta televisiva sarà trasmessa da Rai 1 a partire dalle 21.25.

Sono cinque le attrici a contendersi il premio per la miglior interpretazione femminile da protagonista. In questo privilegiato quintetto troviamo nomi di attrici la cui bravura è riconosciuta non solo in Italia. Chi potrà sollevare il prestigioso David di Donatello? Scopriamo insieme le cinque artiste nominate.

Le cinque attrici italiane nominate

Claudia Cortellesi giunge questa sera alla sua settima candidatura ai David di Donatello, sei delle quali ottenute nella categoria “miglior attrice protagonista” e una per l’ interpretazione da non protagonista nel film “Piano, solo“. Ha trionfato solo nel 2011 grazie a “Nessuno mi può giudicare” e questa sera tenta il bis con “Lacci“. Nel film diretto da Giuseppe Bonito la Cortellesi interpreta il ruolo di Sara, moglie alle prese con l’arrivo del secondo figlio e con un’inaspettata crisi di coppia con il marito Nicola.

Claudia Cortellesi in "Figli" - Photo Credits: ScreenWEEK
Claudia Cortellesi in “Figli” – Photo Credits: ScreenWEEK

Per Sophia Loren i David di Donatello non rappresentano di certo una preoccupazione. L’attrice napoletana, idolo cinematografico osannato in tutto il mondo, ha vinto nel corso della sua carriera ben 10 statuette. Quest’anno si ripresenta alla cerimonia per la sua straordinaria interpretazione ne “La vita davanti a sé“. Nel film diretto da Edoardo Ponti Sophia è un’ex prostituta di origini ebree alle prese con l’educazione di un orfano di origini senegalesi.

Sophia Loren ne "La vita davanti a sé" - Photo Credits: Cinematographe.it
Sophia Loren ne “La vita davanti a sé” – Photo Credits: Cinematographe.it

E’ con la 66esima edizione dei David di Donatello che arriva la prima candidatura per Vittoria Puccini. A premiarla è la sua interpretazione in “18 regali” per la regia di Francesco Amato. Nel film l’attrice veste il ruolo di Elisa, giovane madre che, consapevole di dover morire per via del tumore al seno, provvede a scrivere una lista di regali per i compleanni a venire della sua bambina.

Vittoria Puccini in "18 regali" - Photo Credits: Best Movie
Vittoria Puccini in “18 regali” – Photo Credits: Best Movie

Con questa edizione dei David di Donatello Michaela Ramazzotti potrebbe trionfare per la seconda volta nella categoria “Miglior attrice protagonista”. Dopo ben sei nomination “Gli anni più belli” la riportano nella platea del Teatro dell’Opera di Roma. Nel film diretto da Gabriele Muccino l’attrice interpreta Gemma, donna di cui si racconta il passato e grazie al quale si rivivono i cambiamenti della società italiana dal 1982 ad oggi.

Michaela Ramazzotti ne "Gli anni più belli" - Photo Credits: Best Movie
Michaela Ramazzotti ne “Gli anni più belli” – Photo Credits: Best Movie

Anche Alba Rohrwacher non smette di piacere all‘Accademia del Cinema Italiano. “Lacci” le regala la sua ottava candidatura ai David di Donatello. Dopo due vittorie, l’attrice potrebbe fare doppietta in questa edizione della cerimonia poiché nominata anche per il ruolo da non protagonista in “Magari“. In “Lacci” di Daniele Luchetti l’attrice veste i panni di Vanda, donna alle prese con il tradimento del marito.

Alba Rohrwacher in "Lacci" - Photo Credits: MoviePlayer
Alba Rohrwacher in “Lacci” – Photo Credits: MoviePlayer

Ad aver vinto il premio è stata Sophia Loren.

Marta Millauro

Seguici su

Facebook

Metropolitan Magazine

Instagram

Twitter

Back to top button