Calcio

DAZN down, l’azienda sui social: “Amareggiati per quanto accaduto”

Le scuse social non sono servite a placare l’onda polemica che, come uno tsunami, ha investito DAZN dopo il down di ieri. Gli abbonati, che non sono riusciti ad assistere dalle app e dal sito alle gare Inter-Cagliari e Hellas Verona-Lazio di Serie A, sono sul piede di guerra ed esprimono tutta la loro preoccupazione in merito al servizio.

La paura, tra i tifosi, monta. Infatti DAZN ha acquisito, pochi giorni fa, la quasi totalità dei diritti televisivi del prossimo triennio di Serie A scalzando, dopo anni di dominio, il colosso Sky. Se gli ultimi due mandati non preoccupano eccessivamente, il primo anno di egemonia delle tv bianconera lascia qualche perplessità (o punti interrogativi) da risolvere immediatamente. I problemi di ieri, in effetti, non sono lo spot migliore per approcciarsi da leader. Gli abbonati lo sanno e le polemiche, vibranti e spietate, non sono di certo mancante.

DAZN down, il post di scuse

Poche che significative le righe scritte da DAZN apparse su tutti i canali social ufficiale dell’azienda che trasmette in streaming diversi appuntamenti sportivi, tra i quali la Serie A: “Siamo molto amareggiati per quanto accaduto oggi sulla nostra piattaforma. Siamo assolutamente consapevoli della grande responsabilità che abbiamo nei confronti di tutti i tifosi e dell’intero mondo dello sport .Come comunicato in precedenza, stiamo indagando il problema originato dal nostro partner Comcast Technology Solutions (CTS), che ha avuto un impatto su DAZN e su altri broadcaster europei. Siamo profondamente dispiaciuti e adotteremo ogni opportuno provvedimento per quanto accaduto“.

Le polemiche non si placano

Nonostante l’ammissione, chiara, di colpe, gli abbonati non hanno perdonato DAZN ed il down che li ha costretti a perdersi Inter-Cagliari e Hellas Verona-Lazio, le due sfide domenicali trasmesse in streaming. Rabbia, stupore e preoccupazione si mescolano nelle risposte sotto al post. La domanda, che tutti i tifosi si fanno, è più che lecita: che servizio offrirà l’emittente televisiva che manda gli eventi sportivi sul web adesso che ha ottenuto i diritti per trasmettere la quasi totalità delle partite del massimo campionato di calcio italiano? Un dilemma che getta ombre, in effetti, sul prossimo futuro…

Seguici su Metropolitan Magazine

Back to top button