CalcioSport

De Ligt è sempre più vicino alla Juventus

Il mercato della Juventus è entrato nel vivo, e anche il grande obiettivo dell’estate bianconera, Matthijs De Ligt, è sempre più vicino alla Vecchia Signora.

Negli ultimi giorni la dirigenza aveva chiuso lo scambio Pellegrini – Spinazzola, si è assicurata le prestazioni di Rabiot a parametro zero, ed è intenzionata a chiudere per il ritorno di Gigi Buffon.

Ora le attenzioni di Paratici si stanno concentrando tutte sul difensore olandese classe 1999. Il CFO della Juventus, sarebbe sul punto di partire per Amsterdam è chiudere la trattativa con i lancieri e con Mino Raiola agente del giocatore.

De Ligt è sempre più vicino alla Juventus

Proprio Raiola potrebbe giocare un ruolo chiave nella vicenda, in quanto con il club di Torino ha sempre avuto ottimi rapporti, come testimoniano le operazioni passate Ibrahimovic e Paul Pogba. Anche in questa ottica è da vedersi lo scambio Spinazzola – Pellegrini in quanto il giovane esterno romano è assistito proprio da Raiola.

Inoltre la Juventus per battere la spietata concorrenza del Barcellona e del Paris Saint Germain sul giocatore, ha potuto contare sul carisma di Cristiano Ronaldo, il quale ha invitato De Ligt ad unirsi ai bianconeri, al termine della finale di Uefa Nations League.

Le cifre dell’operazioni si dovrebbero aggirare intorno ai 70/75 milioni all’Ajax. Mentre per il giocatore è pronto un contratto da capogiro di 12 milioni l’anno per 5 anni.

La Juventus si andrebbe cosi ad assicurare le prestazioni di uno dei giovani più forti del calcio mondiale. 19 anni capitano dell’Ajax, campione d’Olanda, e che lo scorso anno ha stupito l’Europa in Champions League ( suo tra l’altro il goal che ha eliminato la Juventus).

L’arrivo di De Ligt dovrebbe aprire a cessioni importanti. Oltre Cancelo la cui posizione è in stand by , ma con un Bayern in leggero vantaggio sul City, si sta vagliando l’ipotesi di una nuova cessione di Bonucci. Su di lui pare esserci sia il Psg, sia il City di Guardiola che corteggia da anni il centrale bianconero.

Luca Pradella

Back to top button