Calcio

Dopo l’emergenza, riparte il calcio anche in Italia

Con la fase peggiore dell’emergenza sanitaria ormai alle spalle l’Italia cerca di ripartire, infatti dopo l’avvio della Fase 2 è ora la volta della ripresa dello sport. La Germania è stato il primo paese a consentire al calcio di tornare a giocare, con il campionato della Bundesliga che dal 16 maggio è di nuovo in funzione, con l’obiettivo di terminare la stagione in tempi ragionevoli.

Tuttavia a giugno sta riprendendo tutto il calcio europeo, con il recupero della Serie A, della Liga spagnola e della Premier League, mentre la Francia ha ufficialmente sospeso la competizione della Ligue 1, congelando le posizioni per determinare retrocessioni e partecipazioni alle prossime coppe europee. Ovviamente le partite si stanno disputando a porte chiuse, con rigide misure di sicurezza sanitaria per evitare i contagi.

Si tratta di un’ottima notizia non solo per gli amanti dello sport, ma anche per gli appassionati delle scommesse sportive. Con il ritorno del calcio ripartono anche i tanti siti dedicati al betting, come il portale storico pronosticionline.com, dove sarà possibile trovare tutte le previsioni sulla giornata con informazioni utili per studiare le quote. Ecco tutte le date e le ultime notizie sulla ripresa del calcio in Italia e nel resto d’Europa.

Serie A: 124 partire dal 20 giugno al 2 agosto

Il 20 giugno torna finalmente il calcio italiano della Serie A, dopo il via libera delle istituzioni e il nuovo calendario ufficiale della Lega. Complessivamente bisognerà giocare 124 partite in un mese e mezzo, incontri che saranno concentrati dal 20 giugno al 2 agosto. Il programma è stato studiato per cercare di evitare problemi legati al caldo, con 3 orari pomeridiani a partire dalle 17:15 e alterazioni per le città più afose come Napoli e Lecce.

Si riparte dunque con i recuperi della 25° giornata di Serie A, con le sfide Torino/Parma e Verona/Cagliari. Le partite saranno molto ravvicinate tra di loro, con match quasi tutti i giorni per tentare di seguire il nuovo calendario e terminare entro l’inizio di agosto, per dare tempo ai giocatori di partecipare alle coppe europee e di riposare prima della prossima stagione. Intanto la Lega ha deciso di utilizzare il protocollo della Bundesliga, isolando soltanto chi dovesse risultare positivo al test.

Bundesliga: il campionato tedesco è stato il primo a ripartire

La Bundesliga è stato il primo campionato europeo a riprendere, con il ritorno in campo avvenuto il 16 maggio giudicato un vero e proprio successo. Le misure adottate si sono rivelate adeguate, con partite giocate a porte chiuse, controlli prima e dopo i match e mascherine obbligatorie per tutti gli addetti ai lavori. La prima giornata ha fatto registrare ascolti record, grazie a un palinsesto vuoto con pochissimi altri incontri ad eccezione di quelli delle squadre tedesche.

Al momento guida la classifica della Bundesliga il Bayern Monaco con 70 punti, seguito in seconda posizione dal Borussia Dortmund con 63 e dall’RB Lipsia con 62. La chiusura del campionato tedesco è attesa per il 27 giugno con lo svolgimento dell’ultima giornata, mentre negli altri paesi bisognerà continuare a giocare almeno fino alla fine di luglio. I giocatori hanno mostrato un perfetto stato di forma finora, scacciando i dubbi su un possibile calo delle prestazioni a causa dei 2 mesi di inattività.

Liga spagnola: partite ogni giorno per terminare il 19 luglio

Le squadre del campionato spagnolo sono tornate in campo l’11 giugno, con il Siviglia che ha vinto per due a zero l’incontro disputato con il Betis. Sicuramente è strano vedere gli stadi deserti, soprattutto in un Paese come la Spagna dove i match sono sempre molto seguiti da parte dei tifosi. Tuttavia l’imperativo è mantenere la massima sicurezza sanitaria, per evitare qualsiasi tipo di ricaduta e portare a termine la stagione entro tempi ragionevoli.

Il calendario della Liga sarà un vero tour de force, infatti si giocherà quasi tutti i giorni fino al 19 luglio, la data fissata per l’ultima giornata della competizione. Al momento guida il campionato spagnolo il Barcellona con 58 punti, tallonato a soli due punti di distanza dal Real Madrid, con il Siviglia che insidia il vertice dai suoi 50 punti. Zidane, allenatore del Real Madrid, sprona i suoi affermando che la squadra è in grado di giocare ogni 3 giorni, inoltre conferma l’apprezzamento per l’introduzione delle 5 sostituzioni.

Premier League: si gioca a porte chiuse ma è allerta sicurezza

Il 17 giugno la Premier League inglese sarà il terzo campionato europeo a riprendere il gioco, con gli incontri tra Aston Villa/Sheffield United e Manchester City/Arsenal. Ovviamente si tratta di una formalità per il titolo della stagione 2019/20, in quanto non dovrebbero esserci sorprese per la vittoria del Liverpool, con il club che guarda tutti dall’alto forte dei suoi 82 punti, con 25 punti di vantaggio sul Manchester City.

Anche in questo caso il programma sarà veramente corto, con partite quasi tutti i giorni e la conclusione della competizione prevista per il 26 luglio. Il modello da seguire è quello tedesco, tuttavia sono tanti i dubbi sui possibili rischi essendo il Regno Unito uno dei paesi più colpiti al mondo dall’emergenza sanitaria di Covid-19. Le sfide avverranno a porte chiuse, con la possibilità di accesso a non più di 300 persone, tuttavia verranno potenziate le misure di sicurezza dopo l’avviso di potenziali attacchi terroristici arrivato dall’intelligence britannica.

Adv
Adv

Mr. Red

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e questo è quanto basta.
Adv
Back to top button