Cronaca

Draghi sulle nuove restrizioni per chi entra in Italia: “Difendo la normalità”

Adv
Adv

Il governo ha imposto nuove restrizioni per chi entrerà in Italia e che durerà fino al 31 gennaio. Sarà infatti obbligatorio sottoporsi a tampone, anche se si è vaccinati. Chi non è immunizzato dovrà rispettare una quarantena. Una decisione che ha sollevato polemiche da parte dell’Unione Europea (in nessun altro Paese Ue è previsto questo tipo di restrizione, nda) e che viene difesa a spada tratta dal premier Draghi.

Le parole di Mario Draghi sulle nuove restrizioni

Non c’è molto da riflettere. La decisione è stata presa perché, al momento, la variante Omicron è poco diffusa in Italia, mentre all’estero sta dilagando. La stretta sui viaggi serve a difendere con unghie e denti una normalità conquistata al prezzo di 134mila morti. Vogliamo affrontare il Natale con relativa tranquillità.

Andrea Caucci Molara

Metropolitan Magazine Attualità. Seguiteci su Facebook

Adv
Adv

Andrea Caucci Molara

Ho 26 anni e sogno fin da piccolo di diventare giornalista. Ho sempre preferito l'edicola al negozio di giocattoli.

Related Articles

Back to top button