MetroNerd

Dungeons and folklore: 10 creature spaventose

Big Foot – Photo Credits: pexels.com

Mostri e creature spaventose non sono sempre e solo il frutto della mente particolarmente creativa di un artista o di uno scrittore, o come nel caso di D&D quella di un designer, molto spesso la vera ispirazione viene proprio dal “nostro mondo” ossia dalle leggende e dalle mitologie delle varie culture sparse per il globo.

Ecco una top 10 di alcune creature spaventose provenienti dal folklore mondiale ma presenti anche nei manuali di Dungeons & Dragons

10 Aswang (Filippine)

Rappresentazione di un’Aswang – Photo Credits: Juan Caparas (artstation.com)

È una delle più temute e famose creature del panorama filippino. Secondo la leggenda di giorno si presenta come una bellissima donna, mentre di notte assume la forma di un demone alato con la lingua di serpente, guidata verso le sue prede da uno stormo di uccelli. È spesso associata al vampiro perché si nutre di sangue animale ma è anche temuta come divoratrice di cadaveri. Secondo le storie sul suo conto se tocca l’ombra di qualcuno, costui o costei avrà vita breve.

AC: 15 – HP: 45 (7d8+14)

STR: 14 – DEX: 16 – CON: 14 – INT: 10 – WIS: 10 – CHA: 6

Challenge: 3

9 Orco (Italia-Germania)

Per quanto quando si pensi ad un orco si faccia immediatamente riferimento a quelli tipici del mondo fantasy, che si rifanno a loro volta a quello tipico del folklore norreno, in realtà le più antiche testimonianze risalgono alla mitologia etrusca, nella quale era in diretta correlazione con il mondo degli inferi. Orcus era un antichissimo dio degli inferi divoratore di anime, una sorta di progenitore di Ade.

AC: 13 – HP: 15 (2d8+6)

STR: 16 – DEX: 12 – CON: 16 – INT: 7 – WIS: 11 – CHA: 10

Challenge: 1/2

8 Jikininki (Giappone)

Rappresentazione di un Jikininki – Photo Credits: thecreaturecodex.wordpress.com

La loro leggenda è riportata del racconto di Muso Kokushi. Si tratta di spiriti maligni che si nutrono di cadaveri e delle offerte di cibo lasciate nelle relative veglie. Appaiono essi stessi con sembianze simili a cadaveri in decomposizione, ma con l’aggiunta di artigli affilati e occhi incandescenti. 

AC: 15 – HP: 26 (4d8+8)

STR: 16 – DEX: 11 – CON: 0 – INT: 9 – WIS: 13 – CHA: 14

Challenge: 2

7 Nalusa Falaya (Stati Uniti)

È una creatura che proviene dalle leggende degli Choctaw, una popolazione nativo americana originari del Sud degli Stati Uniti. Si presenta come un essere umanoide filiforme avvolto da scure ombre che appare ai bambini che rincasano troppo tardi la sera.

AC: 13 – HP: 33 (6d8+6)

STR: 12 – DEX: 15 – CON: 13 – INT: 11 – WIS: 13 – CHA: 9

Challenge: 1/2

6 Windigo (Stati Uniti-Canada)

È una creatura molto nota tra i Nativi Americani Algonchini, stanziati lungo la costa orientale della regione dei grandi laghi (Nord degli Stati Uniti). Secondo le leggende si trasforma in Windigo chi si nutre di carne umana e non a caso esiste proprio una sindrome culturale, chiamata dagli etnopsichiatri proprio “Psicosi Windigo”, una forma di depressione che se non curata adeguatamente sfocia in episodi di psicosi e di cannibalismo

AC: 16 – HP: 52 (8d8+16)

STR: 15 – DEX: 17 – CON: 14 – INT: 11 – WIS: 10 – CHA: 16

Challenge: 3

5 Grootslang (Africa)

Rappresentazione del Grootslang – Photo Credits: Caio Sales (artistation.com)

Creatura leggendaria che si racconta dimori in una profonda caverna nel Richtersveld, in Sud Africa e che sia particolarmente bramosa di diamanti e gemme preziose. Si presenta come la fusione tra un serpente e un elefante

AC: 24 – HP: 451 (22d20+220)

STR: 30 – DEX: 14 – CON: 30 – INT: 12 – WIS: 15 – CHA: 20

Challenge: 24

4 Tifone (Grecia)

Creatura proveniente dalla mitologia greca, figlio di Gea e Tartaro e talmente spaventoso da essere riuscito a mettere in fuga gli stessi dei, i quali, trasformati in animali, si rifugiarono nel vicino Egitto. Si presentava come un essere gigantesco con testa di asino, ali da pistrello e ricoperto da serpenti.

AC: 17 – HP: 195 (17d12+85)

STR: 24 – DEX: 10 – CON: 20 – INT: 7 – WIS: 12 – CHA: 13

Challenge: 15

3 Dagwanoenyent (Stati Uniti)

Illustrazione di un Dagwanoenyent – Photo Credit: Jurij Milkuletic (artstation.com)

Demoni Irochesi che appaiono come grandi teste volanti senza corpo (ma a volte alate), con occhi ardenti e lunghi capelli arruffati bramosi di divorare esser umani. Le loro origini variano da leggenda a leggenda, alcune ne riportano la creazione a seguito di un violento assassinio per decapitazione, dopo il quale la testa recisa della vittima cresce a dismisura, altre narrano della trasformazione in tali creature a causa di cannibalismo. Dalla descrizione sembrerebbero proprio i temutissimi Beholders, ma in realtà si tratta dei Vargouilles.

AC: 12 – HP: 13 (3d4+6)

STR: 6 – DEX: 14 – CON: 14 – INT: 4 – WIS: 7 – CHA: 2

Challenge: 1

2 Nuckeleavee (Scozia)

Rappresentazione del Nuckeleavee – Photo Credits: deviantart.com

Creatura proveniente dal folklore celtico. Si tratta di un elfo dall’spetto orripilante, infatti si presenta completamente scuoiato, con braccia lunghissime, una testa gigantesca e fuso sul dorso di un cavallo

AC: 17 – HP: 183 (15d12+85)

STR: 19 – DEX: 14 – CON: 20 – INT: 13 – WIS: 13 – CHA: 5

Challenge: 13

1 Krampus (Germania-Austria-Italia)

Rappresentazione di un Krampus – Photo Credits: lavocedeltrentino.it

Secondo la tradizione cristiana si tratta di un demone sconfitto da San Nicola e perciò costretto a servirlo. I Krampus, nella leggenda, sono creature dalle sembianze mostruose e animalesche, sono molto aggressivi e si aggirano per le strade alla ricerca dei “bambini cattivi”, tuttavia è tipico festeggiarli il 5 dicembre nei paesi di lingua tedesca e nelle regioni del Nord Italia come il Trentino-Alto Adige e il Friuli-Venezia Giulia.

AC: 16 – HP: 100 (12d8+44)

STR: 18 – DEX: 14 – CON: 18 – INT: 11 – WIS: 13 – CHA: 16

Challenge: 5

Dario Bettati

!Seguiteci tramite la pagina Facebook e il nostro canale Instagram!

Dario Bettati

Laureato in Teorie e Pratiche dell’Antropologia e laureato magistrale in Discipline Etno-Antropologiche. Studioso e appassionato delle “declinazioni” più contemporanee e "Pop" della cultura e della società, divulgatore scientifico, ma soprattutto un grande e grosso NERD.
Back to top button