Motori

Mercedes-Benz colpita da Tesla: i ritardi nella produzione avevano un motivo

Negli ultimi giorni Daimler, società proprietaria del gruppo Mercedes, ha annunciato l’intenzione di produrre 50.000 Mercedes EQC nel 2020. Tuttavia è stato confermato che i rallentamenti dello scorso anno erano dovuti all’acquisizione di un’azienda specializzata nell’automazione da parte di Tesla.

Mercedes-Benz Tesla La casa della stella a tre punte continuerà il suo percorso nella mobilità elettrica, ma fino a poco fa gli intenti hanno dovuto essere in parte rivisti. Tesla nel 2017 ha infatti acquisito una azienda, la Grohmann Engineering, che allora metteva a disposizione le sue competenze nella produzione di batterie per conto di Mercedes.

Mercedes-Benz Tesla – Obiettivi mancati

Ciò ha dunque rallentato il lavoro della casa tedesca anche negli anni a venire. Ricordiamo che a parte Tesla sono pochi i grandi costruttori di auto elettriche nel mondo. L’unico con una certa esperienza è Tesla, dunque i marchi da poco entrati nell’elettrico come Volkswagen e Mercedes devono rincorrere. Se poi la stessa Tesla si mette a comprare società terze, cosa più che lecita, ecco che il quadro si complica.

Mercedes-Benz Tesla
La Mercedes EQC 400, il nuovo SUV elettrico della casa tedesca – Photo Credit: flickr.com

L’anno scorso dunque Mercedes non è riuscita a sfornare il numero di vetture che si era prefissata. Nelle idee della fabbrica si doveva raggiungere il numero di 25.000 Mercedes EQC, ma alla fine si è riuscito a produrre e vendere solo 7.000 vetture di questo tipo. Nel 2020 però non ci saranno problemi del genere: LG Chem, attuale partner Mercedes, sembra che riuscirà a garantire la regolarità della filiera produttiva.

Mercedes-Benz Tesla – Parla Daimler

L’indiscrezione è stata confermata solo di recente attraverso il canale di informazione Reuters. L’agenzia britannica ha infatti pubblicato il fatto che Michael Brecht, capo del consiglio di lavoro Daimler (luogo di discussione e decisione dei progetti societari, ndr), ha reso nota la questione a Manager Magazine. La perdita di un partner come Grohmann Engineering ha dunque complicato la normale tabella di marcia del gruppo.

Mercedes-Benz Tesla
Michael Brecht (al centro) con a fianco Dieter Zetsche, ex CEO Daimler – Photo Credit: daimler.igm.de

Da ciò possiamo capire che Tesla quindi non ha alcuna intenzione di perdere quote di mercato dopo essersele guadagnare con investimenti ingenti e diversi anni di lavoro. Nel grande mercato dell’auto solidarietà è una parola che si sente molto poco, tendenza dopotutto accettata dato che si parla di enormi quantità di denaro. Mercedes ha avuto i suoi problemi. Ora gli altri competitors dovranno stare all’erta.

SEGUICI SU:

Adv

Related Articles

Back to top button