MovieNerd

Fallout: Prime Video prepara la serie della saga

Fallout, saga videoludica dal grandissimo successo, si appresta a diventare anche una serie per Amazon Prime Video. Già nel 2019 Variety aveva comunicato che il duo formato dai coniugi Jonathan Nolan e Lisa Joy, creatori di due prodotti culto come Person of Interest e Westworld, avevano firmato un accordo di esclusività con la piattaforma streaming (pur dichiarando che avrebbero continuato a seguire la realizzazione di Westworld).

Proprio il progetto post-apocalittico di Fallout sembra apprestarsi ad essere il primo nato da questa collaborazione. Tant’è che in una dichiarazione ufficiale rilasciata Deadline Hollywood, la coppia ha definito Fallout come una delle più grandi serie di videogame di tutti i tempi.

Ogni capitolo di questa serie follemente creativa ha coinvolto una enorme quantità del nostro tempo e siamo entusiasti e onorati di poter collaborare con la Bethesda per dare vita a questo vasto, sovversivo universo ricco di humor nero su Amazon Prime Video.

Fallout – Photo Credits: movieplayer.it

Cos’è Fallout

Nato nel 1997, dalla Interplay Entertainment, venne definito un videogame atompunk-retrofuturistico, ambientato nel 2161 dopo una “classica” apocalisse nucleare. Tuttavia con un tocco inaspettato, ossia ambientato in un mondo anni Cinquanta. I primi due capitoli nascevano come giochi di ruolo a turni, ma con l’acquisizione da parte della Bethesda Softworks la saga prese una deriva più vicina a uno sparatutto in prima persona.

Cosa sappiamo della serie?

Ben poco! Non ci sono ancora date di uscita, tuttavia sappiamo Jonathan Nolan dirigerà almeno il primo episodio che come showrunner sono stati chiamati autori e autrici del calibro di  Geneva Robertson-Dvoret (Captain Marvel) e Graham Wagner (The Office).

Dario Bettati

Seguiteci tramite la pagina Facebook e il nostro canale Instagram!

Dario Bettati

Laureato in Teorie e Pratiche dell’Antropologia e laureato magistrale in Discipline Etno-Antropologiche. Studioso e appassionato delle “declinazioni” più contemporanee e "Pop" della cultura e della società, divulgatore scientifico, ma soprattutto un grande e grosso NERD.
Back to top button