Alla fine anche questo lunghissimo campionato è giunto al termine e il verdetto finale ha visto la Lazio stanziarsi al quarto posto. Posizione che dovrebbe significare “qualificazione alla prossima Champions League“, ma il condizionale è d’obbligo perché prima bisognerà attendere i risultati di Napoli e Roma nelle rispettive coppe. In ogni caso i tifosi ora si aspettano che il salto di qualità maturato sul campo, si ripeta anche sul mercato. Tra i tanti nomi circolati in questi mesi è tornato di moda quello di Mohamed Fares della Spal: ecco in che modo sarebbe utile ai biancocelesti.

Fares
Mohamed Fares è finito nel mirino di diverse squadre in Serie A, tra cui anche la Lazio. (Photo credit: Getty Images)

Fares potrebbe essere il jolly della fascia sinistra

Se sulla fascia destra Manuel Lazzari ha fatto impazzire le difese avversarie con le sue discese, dal lato sinistro è mancato un apporto egualmente importante. Soprattutto nel finale di stagione, dopo l’infortunio di Lulic. Né JonyLukaku hanno convinto pienamente il tecnico biancoceleste ed è per questo che la Lazio punterà forte su un altro esterno, possibilmente di ruolo.

La risposta ai problemi menzionati potrebbe essere proprio Fares. L’algerino quest’anno ha collezionato solo 8 presenze in campionato per via dell’infortunio di inizio stagione. Giocatore veloce e capace di giocare su tutta la fascia sinistra. Arriva spesso a concludere lui oppure un suo compagno, grazie ai suoi passaggi chiave.

Attenzione alla concorrenza

Come riportato da lalaziosiamonoi.it per il momento ad avere la precedenza sul giocatore è la Fiorentina, che avrebbe allacciato i rapporti con la Spal da più tempo. In precedenza si era parlato anche di un interessamento da parte del Milan, ma alla fine la dirigenza rossonera si era tirata indietro. Nel caso in cui il tentativo dei viola non dovesse andare a buon fine, si inserirebbe la Lazio. Il club di Lotito infatti, è in buoni rapporti con gli estensi viste anche le recenti trattative per Murgia e per Lazzari.

Seguici su Metropolitan Magazine

© RIPRODUZIONE RISERVATA