CalcioCinema

Tre bellissimi film sul calcio da vedere ad ogni costo!

Dal letto al divano, dal divano al letto. Il tristissimo tragitto che ogni povero disgraziato, destinato alla quarantena forzata, solitamente percorre nell’arco di queste giornate. E quante volte, specialmente in questo difficile periodo, si consumano ore intere su piattaforme come Netflix o Amzon Prime, alla disperata (quanto il più delle vote infruttuosa) ricerca del film giusto da vedere. Niente paura. Oggi abbiamo deciso di farvi risparmiare tempo e fatica, suggerendovi tre bellissimi film sul calcio, che potrebbero solleticare il vostro interesse. Dunque, popcorn nella destra, coca-colina bella fresca nella sinistra e si parte.

Fuga per la vittoria - Pelé
Pelé nella scena di un famoso film (fonte: film.it)

#1 Film sul calcio: “Fuga per la vittoria

È mai possibile che nei terribili anni della Seconda Mondiale fosse possibile organizzare una partita di calcio tra Tedeschi ed Alleati? Per il regista John Huston, a quanto pare, sì. È questa infatti la trama di “Fuga Per la vittoria”, in cui un giovanissimo Michael Caine, nel ruolo di un ufficiale britannico con un passato da calciatore, capitana una squadra di compagni del suo stesso campo di prigionia contro una selezione di guardie naziste. Ma la posta in ballo dietro l’incontro amichevole tra le due fazioni è decisamente più alta che una semplice questione di vittoria o sconfitta. Alla realizzazione del film presero parte veri giocatori, tra cui Pelé, Bobby Moore, Osvaldo Ardiles e molti altri. Non da dimenticare, inoltre, un improbabile Sylvester Stallone nei panni di portiere, che ancora oggi sta cercando di capire le dinamiche del fuorigioco.

Fuga per la vittoria - Sylvester Stallone
Sylvester Stallone (fonte:film.it)

#2 Film sul calcio: “Hooligans”

A partire dal 2005 “I’m forever Blowing Bubbles”, inno ufficiale del West Ham United, era la nuova hit dell’anno. Intonato da tutti gli appassionati di calcio e di cinema, compresi quei ragazzini che, grazie alla meravigliosa pellicola di Lexi Alexander, avevano trovato un nuovo repertorio da sfoderare in classe all’ora di religione o sui pullman per le gite scolastiche nell’intonare cori da stadio. Il protagonista del film, interpretato da Elijah Wood, l’ex Frodo Baggins della Contea, intraprende un nuovo viaggio, non più attraverso la Terra di Mezzo, ma per le strade di Londra, alla scoperta di valori incredibilmente importanti come l’amicizia, la solidarietà e la fratellanza. Valori che probabilmente soltanto appartenendo ad una tifoseria, anzi, in questo caso, ad una firm inglese (gruppi organizzati di Hooligans) è possibile assaporare fino in fondo. Il calcio qui viene dunque analizzato in due dei suoi aspetti più iconici: come strumento di aggregazione e di unione tra persone, ma anche come fonte di violenza, risse, tafferugli e questioni di reputazione tra bande. Dopotutto il titolo già di per sé parla chiaro: “Hooligans” e non “Corsi di ricamo e merletti per principianti”.

Hooligans - Elijah Wood
Elijah Wood (fonte: rivistacorner.ch)

#3 Film sul calcio: “Il mio amico Eric

Il fardello di un lavoro modesto, la crisi di mezza età, un matrimonio fallito alle spalle, i figli adolescenti che si cacciano nei guai, il tutto condito da una generale mancanza di autostima. Insomma, una sorta di limbo infernale da cui sembra quasi impossibile uscire e nel quale cadono sempre più spesso tantissime persone. Ed è proprio in questa sconfortante condizione che si trova Eric, il protagonista della storia, sfegatato tifoso del Manchester United, ma che ormai ha perso pure l’entusiasmo di seguire la sua squadra del cuore. E come rinascere da una situazione così disastrosa? Facile, grazie ad una personalità del calibro di Eric Cantona. Allo stesso modo di un deus ex machina di plautiana memoria, sarà infatti l’improvvisa apparizione del fenomeno francese a ridare fiducia al povero Eric e a fargli riscoprire la joie de vivre. Un film pieno di risvolti. Profondo, divertente e fortemente significativo, in cui il calcio, o meglio, la convinzione di avere il proprio idolo calcistico accanto, quasi come un angelo custode che ti guida passo-passo, può davvero essere l’antidoto giusto contro ogni difficoltà che la vita decide di presentarti.

Una scena del film “Il mio amico Eric” (fonte: YouTube/Nicola Marotta)

Il calcio e le sue mille sfaccettature. Passione, tifo, forza, speranza, evasione e libertà. Forse chi ama il pallone così tanto è semplicemente un pazzo, un malato, un fissato o un invasato, come, in parte, è anche raccontato da questi fantastici film. Ma, in tutta onestà, Dio mio, non c’è cosa più bella che sentirsi così, non trovate?

Tartaglione Marco

LEGGI TUTTI I MIEI ARTICOLI

Seguici su Metropolitan Magazine

Back to top button