Pallavolo

Finale Coppa Italia Superlega: Civitanova lotta e conquista

Finale Coppa Italia Superlega – Si è disputata ieri la finale di Coppa Italia di pallavolo maschile; 174 minuti di una spettacolare gara che vede la Lube Civitanova salire sul gradino più alto del podio dopo 5 set combattuti contro la Sir Safety Perugia. Dopo la sconfitta dello scorso anno Civitanova trova la rivincita sul campo dell’Unipol Arena di Bologna battendo al tie break la formazione di coach Heynen. Civitanova porta a casa la sua sesta Coppa Italia dopo i trofei vinti nel 2001, 2003, 2008, 2009 e 2017.

Finale Coppa Italia Superlega
Sir Safety Conad Perugia – Photo Credit: Perugia Volley Official Facebook Account

La partita

La finale di Coppa Italia inizia subito in maniera combattuta con le due formazioni che procedono punto a punto fino a metà set; poi Perugia fa il primo grande break portandosi in vantaggio sul 12-16: due ace di Leon e un ottimo Podrascanin firmano il primo grande strappo degli umbri. La Lube reagisce e riporta la partita in equilibrio, poi qualche cambio per entrambe le formazioni e Perugia che riesce a prendere il largo in modo decisivo chiudendo il set per 21-25.

Finale Coppa Italia Superlega
Atanasijevic sfida il muro di Juantorena – Photo Credit: Lega Pallavolo Serie A Official Facebook Account

Il secondo set inizia con una Lube visibilmente più solida in campo che spesso e volentieri si porta in vantaggio sugli avversari; il break arriva sul 15-12 e i cucinieri mantengono il vantaggio fino al turno al servizio di Tath che riporta le due squadre in parità. Uno strabiliante Juantorena e il muro decisivo di Simone Anzani chiudono il set in favore dei marchigiani per 25-23.
Il terzo set è ancora una grande battaglia in cui nessuno è intenzionato a mollare; la Sir parte bene portandosi avanti sul 10-13, ma Simon rimette tutto in ordine trascinando la sua squadra a rimonta e sorpasso, amministrato fino al 23-19. Il set sembra concluso ma Perugia non molla e combatte fino in fondo per riuscire a portarsi a casa il set che si chiude, come il precedente, 25-23 per i ragazzi di mister De Giorgi.

Quarto set da antologia e si va al tie-break

Il quarto set inizia immediatamente punto a punto, con Heynen che cambia la sua formazione inserendo Russo al centro e Plotnytskyi. Primo break fatto dalla Sir Safety che si porta in vantaggio di tre lunghezze sul punteggio di 11-14 con un grande ace di Leon, il quarto del match, e il muro di Atanasijevic su Leal. Civitanova reagisce trascinata da Juantorena e Leal, recupera Perugia e la supera portandosi sul 23-22; per i cucinieri entra Bienik che regala un break importantissimo alla Lube. Entrambi i match point vengono però annullati da Perugia che non molla e ne annulla 9 in totale riuscendo a portare a casa ai danni dei biancorossi un quarto set memorabile finito 34-36.
Tie break quasi a senso unico, con i Block Devils che non riescono più ad essere decisivi contro i biancorossi, sfiniti come gli avversari ma con dei fenomenali Leal e Juantorena che trascinano la formazione marchigiana alla vittoria del sesto titolo italiano chiudendo il set 15-10.

Finale Coppa Italia Superlega
Cucine Lube Civitanova vince la Coppa Italia 2020 – Photo Credit: Civitanova Volley Official Facebook Account

I numeri della Finale di Coppa Italia di Superlega

La finale del trofeo si chiude in cinque set con il risultato di 3-2 a favore della Lube Civitanova (21-25; 25-23; 25-23; 34-36; 15-10). Ben 174 i minuti che passano tra il primo e l’ultimo fischio dell’arbitro Gnani, con un quarto set al cardiopalma durato 49 minuti.
Sesto titolo per la Lube Civitanova con Osmany Juantorena che guadagna anche il titolo di MVP della serata e 28 punti segnati; top scorer del match è invece Wilfredo Leon che fa segnare a referto 30 punti. Per i marchigiani ottime le prestazioni di Leal (23), Simon (15) e Rychlicki (13); non da meno i ragazzi umbri tra cui spiccano Atanasijevic con 18 punti e Podrascanin che ne fa la metà (9).
I servizi vincenti della Sir sono 7 contro i 6 di Civitanova che però vince la sfida sui muri (11 per Perugia e 14 per la Lube).

Articolo a cura di Chiara Zambelli

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook e sulla nostra pagina Twitter!

Back to top button