Pallavolo

Supercoppa femminile: il trionfo di Conegliano

Finale supercoppa volley – Ad aggiudicarsi la Supercoppa italiana di pallavolo femminile 2020 è l’Imoco Conegliano, che mantiene il titolo per il terzo anno di fila. La squadra di Santarelli si è imposta infatti sulle farfalle di Busto Arsizio, dando grande spettacolo domenica sera 6 settembre 2020 al PalaGoldoni di Vicenza (sostitutivo di Piazza dei Signori, suggestiva location mancata a causa dell’alto tasso di umidità che provocava difficoltà di gioco). Una partita che non ha lasciato spazio a dubbi: le pantere hanno dominato dall’inizio alla fine, non lasciando alle giocatrici di Fenoglio neanche la possibilità di arrivare oltre il 16esimo punto.

Finale supercoppa volley 2020 - Ph credits © Alessandro Zonta
Finale supercoppa volley 2020 – Photo Credit: Alessandro Zonta

Finale supercoppa volley – Le squadre

Imoco Volley Conegliano: Sylla 9, Folie 10, Egonu 12, Adams 12, De Kruijf 9, Wolosz 1, De Gennaro (L), Gennari, Caravello, Butigan, Fahr, Gicquel 2
Non entrate: Natalizia, Omoruyi
All. Santarelli

Unet E-Work Busto Arsizio: Escamilla, Olivotto 4, Mingardi 9, Gennari 6, Stevanovic 2, Bonelli 1, Leonardi (L), Herrera Blanco 1, Piccinini, Bulovic 1
Non entrate: Poulter, Cucco
All. Fenoglio

Finale supercoppa volley – Set 1

Il primo set si apre con il primo punto di Conegliano, segue un buon equilibrio che vede le due squadre rincorrersi, sino al 5-6 per le trevisane, quando quest’ultime prendono il volo e si trasformano in una macchina da guerra raggiungendo agilmente il match point e portando a casa il primo set a 25-16.

Conegliano si presenta forte e compatta, Egonu non si tira indietro e sfodera fin dall’inizio i suoi colpi impossibili da bloccare. Come lei, Sylla e Adams replicano le straordinarie performance della semifinale; non sono da meno le centrali Folie e De Kruijf. Busto ci prova, ma di fronte alle pantere è difficile rispondere. Leonardi svolge un buon lavoro di difesa, Bonelli riesce a sostenere la responsabilità delle sue prime giocate in A1; ma il muro dell’Imoco è troppo duro da buttar giù.  

Finale supercoppa volley – Set 2

Il secondo set vede una Conegliano ancora più diretta e aggressiva, che non lascia spazio alle ragazze di UYBA. Domina per tutto il secondo tempo prendendo subito il vantaggio e mantenendolo fino alla vittoria, terminata con un 25-15. Per le farfalle il set si apre e prosegue con troppi errori in battuta e l’assenza di una fase di contrattacco sostanziosa, nonostante le buone performance di Gennari.

Le pantere rispondono con Egonu, che non ha intenzione di alleggerire i suoi colpi, l’americana Adams, che dalla seconda linea si presenta sempre più una una sicurezza e Sylla, una vera tutto fare: difende, mura, attacca ed è sempre vincente. Wolosz ha solo l’imbarazzo della scelta.

Finale supercoppa volley – Set 3

Il terzo e ultimo set della finale prende il via con un tentativo di Busto Arsizio di mettere in difficoltà le avversarie, cambiando infatti il gioco ed invertendo i ruoli di Escamilla e Mingardi. Ma la tattica non regge e Conegliano prende nuovamente il via. Contribuiscono anche un paio di errori di formazione di Busto, forse complice la stanchezza che si fa sentire dopo la semifinale giocata appena poche ore prima contro Novara.
In poche azioni le ragazze di Santarelli recuperano, avanzano e distaccano le farfalle, chiudendo 25-15 e conquistando il titolo di Supercoppa italiana.

La squadra di Treviso appare sempre più compatta: Egonu non ha limiti e ha continui margini di miglioramento, dimostrando una continua crescita; Sylla è esplosiva, riuscendo a rispondere ad ogni pallone nel modo giusto; De Gennaro conferma il suo talento come libero a cui si aggiunge quello di alzatrice, assolutamente impareggiabile; Folie è un perno sempre più importante per Egonu, contribuendo tanto in attacco quanto a muro; Wolosz gioca da ottima regista per attacchi sempre funzionali e difficili da prevedere; Adams si conferma un eccellente acquisto, versatile, efficace in ogni zona e limitato negli errori. “Non ci stanchiamo mai, anzi abbiamo più fame di vincere”. Queste le parole della capitana di Conegliano, la regista Wolosz, che dimostrano tutta la grinta e la forza di cui il team gode.

Ora non rimane che volgere gli occhi alla prossima super sfida tutta al maschile prevista per il prossimo weekend.

Seguici anche sulla nostra pagina Facebook e sulla nostra pagina Twitter!

Back to top button