BRAVE

Fondo impresa donna, gli incentivi all’imprenditoria femminile

Adv
Adv

Il lavoro e la crescita delle imprese guidate da donne sono determinanti per una ripresa economica robusta e davvero sostenibile. Con questa consapevolezza arriva il Fondo impresa donna, il nuovo strumento con cui lo Stato italiano incentiva l’imprenditoria femminile. L’approvazione arriva ad un passo dalla scadenza fissata nel Pnrr e mancano ancora le istruzioni su tempi e modalità di domanda.

Gli incentivi all’imprenditoria femminile

Il fondo aveva una dotazione iniziale di 40 milioni previsti dalla Manovra del 2021 che lo ha istituito. Si aggiungono, ad ora, altri 400 milioni di euro stanziati dal Pnrr, in linea con l’obiettivo di un aumento di 4 punti percentuali dell’occupazione femminile.

Gli incentivi sono destinati sia alla nascita di nuove aziende che allo sviluppo di quelle esistenti. La definizione di impresa femminile è rinvenibile nel testo del Decreto del ministero dello Sviluppo economico e rientrano in questa categoria tutti i soggetti che abbiano una partecipazione prevalente femminile.

Potranno accedere ai finanziamenti società cooperative e società di persone che abbiano nella compagine sociale almeno il 60 % di donne. Nelle società di capitali è necessario che le quote di partecipazione siano detenute per i due terzi da donne e le donne costituiscano i due terzi degli organi di amministrazione. Può accedere ai finanziamenti l’imprenditrice individuale e la lavoratrice autonoma.

Ampio margine di autonomia riguarda l’attività svolta dalle imprese. Possono beneficiare degli incentivi le imprese che producono beni nei settori dell’industria, dell’artigianato e della trasformazione dei prodotti agricoli. Ma non solo, anche imprese fornitrici di servizi in qualsiasi settore, commercio e turismo.

incentivi imprenditoria femminile
Incentivi imprenditoria femminile- Photo Credit: web

Incentivi per la nascita o il consolidamento delle imprese femminili

Per l’accesso ai fondi si distingue tra incentivi per la nascita e lo sviluppo delle imprese femminili ed incentivi per lo sviluppo e il consolidamento. Si richiedono requisiti parzialmente differenti. Possono beneficiare degli incentivi per la nascita e lo sviluppo di imprese femminili le imprese che abbiano meno di un anno di vita alla data di presentazione della domanda. Le lavoratrici autonome in possesso della partita IVA aperta da meno di dodici mesi alla data di presentazione della domanda. Possono presentare domanda, inoltre, le persone fisiche che intendono costituire una nuova impresa femminile. Viceversa per gli incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili è necessario che le imprese siano nate da almeno dodici mesi alla data di presentazione della domanda. Le lavoratrici autonome abbiano la partita IVA aperta da almeno dodici mesi.

Le iniziative dovranno essere realizzate entro due anni dalla data del provvedimento di concessione delle agevolazioni. Le spese non possono superare 250.000 euro Iva esclusa se si tratta dell’avvio di una nuova impresa. Non possono superare i 400.000 euro, IVA esclusa, nel caso di consolidamento di un’impresa esistente.

Incentivi ma non solo

Il Fondo promuove, inoltre, azioni per la diffusione della cultura e la formazione imprenditoriale femminile, attraverso iniziative che insegnino il valore dell’imprenditoria femminile nelle scuole e nelle università. Si ci propone una vera e propria educazione alla cultura imprenditoriale tra le donne. Sono predisposti, inoltre, programmi di orientamento e formazione verso percorsi di studio nelle discipline scientifiche, tecnologiche, ingegneristiche e matematiche, di sensibilizzazione verso professioni tipiche dell’economia digitale.

Le agevolazioni sono concesse con una procedura valutativa a sportello. Le domande di agevolazione devono essere compilate esclusivamente per via elettronica, utilizzando la procedura informatica che sarà messa a disposizione in un’apposita sezione del sito internet www.invitalia.it

Seguici su Facebook e Instagram

Per restare sempre aggiornato clicca qui

Adv
Adv

Related Articles

Back to top button