Formula E e Formula 1 – Il divieto proposto per il 2035 nel Regno Unito di ibridi porterà nuovi team ad entrare nel mondiale elettrico. Secondo Tony Ross la F1 in futuro dovrà coesistere con il campionato elettrico.

Formula E e Formula 1 – Le parole di James Barclay

In questo periodo di pausa forzata, a causa del coronavirus, si cerca di guardare avanti, soprattutto per quanto riguarda riforme e regolamenti. Le modifiche proposte alla legislazione del Regno Unito che regolano la vendita di auto stradali spingeranno più team e produttori ad entrare in Formula E, sostiene James Barclay, direttore del team Jaguar. Il primo ministro Boris Johnson ha dichiarato al vertice delle Nazioni Unite all’inizio di quest’anno che il divieto di vendita di autoveicoli a benzina e diesel sarebbe stato anticipato al 2035.

Boris Johnson
Boris Johnson è attualmente ancora affetto dal Coronavirus – Photo Credit: Boris Johnson Twitter

James Barclay ha parlato di quale impatto avrebbe la legislazione sulla Formula E, specialmente se fosse adottata da altre nazioni.

“Portare avanti questa scadenza è qualcosa che tutti noi stiamo affrontando comunque. Mostra l’importanza di come acceleriamo questo processo. Per altre forme di sport motoristici, probabilmente rappresenta sicuramente una sfida maggiore. – James Barclay

James Barclay
James Barclay, team director di Jaguar Racing – Photo Credit: James Barclay Twitter

La Formula E ha un accordo di esclusività con la FIA che, in teoria, impedisce alla Formula 1 di adottare propulsori completamente elettrici fino al 2038. Ciò potrebbe portare la F1 a condividere eventi con Formula E, fondersi del tutto o esplorare in modo indipendente la tecnologia delle celle a combustibile a idrogeno.

Formula E e Formula 1 – Le parole di Dilbagh Gill e Tony Ross

Dilbagh Gill, team principal di Mahindra, ha aggiunto che il passaggio alle auto elettriche è stato perfetto per il produttore indiano grazie anche alla competizione nel campionato elettrico.

“Veniamo da un mercato emergente. Siamo molto chiari sul fatto che gli anni ’20 saranno il punto di svolta in cui vedremo molti più cambiamenti in corso. È perfetto per noi essere nella mischia in questo momento con i progressi tecnologici e la regolamentazione. Penso che siamo nel posto giusto al momento giusto.” – Dilbagh Gill

Formula E Dilbagh Gill
Dilbagh Gill, il boss della squadra di Mahindra Racing – Photo Credit: ABB Formula E Twitter

Tony Ross, che è passato dal team Mercedes F1 per agire come capo ingegnere di gara per la scuderia tedesca in Formula E, ha calcolato che la tecnologia della batteria non è ancora pronta per la transizione. L’ingegnere ha aggiunto che F1 e FE coesisteranno anche per il prossimo futuro.

Ross e Rosberg
Ross è stato ingegnere di corsa di Nico Rosberg nel 2016, anno in cui il pilota tedesco vinse il mondiale di F1 – Photo Credit: Formula1.com

“In termini di come le batterie sono racchiuse e quel genere di cose, ci sono sviluppi che stanno portando miglioramenti. Ma non c’è stato il passo necessario per competere allo stesso modo con i combustibili fossili. Al momento, sia la F1 che la FE devono esistere e si spingeranno entrambe. Sarà interessante vedere cosa succede con la F1 perché costa così tanto. Di conseguenza, ottieni la differenziazione che ottieni ora, mentre in FE, realisticamente, al momento chiunque può vincere.” – Tony Ross

SEGUICI SU :

© RIPRODUZIONE RISERVATA