23.4 C
Roma
Maggio 8, 2021, sabato

Frane e inondazioni in Indonesia, si aggrava il bilancio

- Advertisement -

Sale a 75 il bilancio delle vittime causate dalle inondazioni e dagli smottamenti avvenuti nell’isola di Flores, in Indonesia, e a Timor Est. Vi sono anche alcune decine di dispersi, precisano le autorità locali. Le piogge torrenziali hanno causato allagamenti in diversi quartieri dell’isola di Flores, dove la maggioranza della popolazione è cattolica, poche ore prima dell’inizio delle celebrazioni pasquali. Strade e ponti sono rimasti distrutti e decine di case sono state sommerse dal fango. Sono migliaia gli sfollati in cerca di un rifugio.

l fango è caduto dalle colline circostanti su dozzine di case nel villaggio di Lamenele poco dopo la mezzanotte sull’isola di Adonara nella provincia di Nusa Tenggara orientale. I soccorritori hanno recuperato 38 corpi e almeno cinque persone sono rimaste ferite. Inondazioni improvvise hanno ucciso almeno 17 persone in altri punti del Paese e almeno 42 sono disperse.

Le operazioni di soccorso sono state ostacolate da interruzioni di corrente, strade bloccate ricoperte di fango e detriti e in alcuni casi anche dal mare mosso e dalle onde alte. I corpi di tre persone sono stati recuperati dopo essere stati spazzati via dalle inondazioni nel villaggio di Oyang Bayang, dove sono state distrutte anche 40 case. Centinaia di persone sono fuggite dalle abitazioni sommerse, alcune  sono state portate via dall’alluvione. In un altro villaggio, Waiburak, tre persone sono state uccise e sette disperse dopo che le piogge notturne hanno fatto ingrossare i fiumi, sommergendo di acqua fangosa vaste aree del distretto di East Flores. Quattro persone ferite erano in cura presso una clinica sanitaria locale.

Il bilancio delle vittime ha così raggiunto quota 55. Le piogge hanno anche causato la caduta di lava rafreddata lungo le pendici del vulcano Ili Lewotolok, che ha colpito diversi villaggi. Questo disastro sull’isola di Lembata ha ucciso almeno 11 persone, mentre almeno altri 16 erano ancora sepolti sotto tonnellate di lava fredda, ha detto Jati. La lava è stata lasciata dopo che il vulcano era esploso a novembre.

Almeno sei villaggi sono stati colpiti da inondazioni improvvise e da una frana che ha tagliato cinque ponti sull’isola. Sono state segnalate gravi inondazioni anche a Bima, una città nella vicina provincia di Nusa Tenggara occidentale, che ha costretto alla fuga quasi 10 mila persone.

Le piogge stagionali provocano frequentemente inondazioni e smottamenti in Indonesia, un arcipelago di 17 mila isole dove milioni di persone vivono in zone montuose o vicino a fertili pianure alluvionali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

- Advertisement -
- Advertisement -

Continua a leggere

- Advertisement -

Ultime News

- Advertisement -