MovieNerd

Vedremo un Frankenstein di Guillermo del Toro?

In occasione del Comic-Con, il regista Guillermo del Toro ha affermato che vorrebbe occuparsi di una trasposizione in due o tre parti del romanzo di Mary Shelley Frankenstein o il moderno Prometeo. Per dare il via al progetto sta solo aspettando di trovare i finanziamenti adeguati per rendere il giusto omaggio all’opera letteraria.

Nel suo libro, la Shelley narra la storia del dottor Victor Frankenstein, il creatore di un grottesco e deforme essere composto da parti di uomini morti. Il mostro scappa dal dottore e lui, disgustato dalla creatura, lo abbandona al suo destino.

Guillermo del Toro e il suo fauno de Il Labirinto del Fauno - Photo Credits: web
Guillermo del Toro e il suo fauno de Il Labirinto del Fauno – Photo Credits: web

Guillermo del Toro: il re dei mostri

Del Toro ha indicato Frankenstein come il suo libro preferito, e ha da anni il desiderio di crearne un adattamento per il cinema. A suo dire, quasi nessuno dei film ispirati a questa creatura ha mai veramente esplorato e trattato il senso e la morale dell’opera di Shelley.

Nel corso della sua carriera, il regista ha spesso fatto riferimento all’approccio della scrittrice per trattare i suoi mostri. La Creatura di Frankenstein rappresenta la paura degli Uomini per ciò (o chi) è diverso da loro, e nei confronti dello sviluppo tecnologico che in quell’epoca si stava affrontando. La sua opera porta a galla degli interrogativi morali riguardo la diversità, la vera cattiveria e i veri mostri al di là di caratteristiche fisiche, ma anche di bioetica. Del Toro vorrebbe celebrare l’imperfezione, parlare dell’Uomo come vero Mostro e di come un “mostro” possa essere più puro degli uomini.

Il regista sul set di Hellboy - Photo Credits: web
Il regista sul set di Hellboy – Photo Credits: web

Chi meglio di lui potrebbe portare in vita una Creatura così profonda e sfaccettata? Guillermo del Toro è il Re dei Mostri. Dal Fauno de Il Labirinto del Fauno ai vampiri di Blade II, i fantasmi di Crimson Peak, il suo adattamento delle creature di Hellboy, e altri vampiri molto originali di The Strain. I suoi mostri rimangono impressi nella mente, e si è approcciato ad ognuno di essi seguendo lo stile di Mary Shelley.

Rimane quindi solo da aspettare per questa trilogia firmata Del Toro. Non si sa ancora quando si farà, ma è certo che sarà una produzione dark fantasy che lascerà il segno.

Guillermo del Toro e un vampiro di The Strain - Photo Credits: web
Guillermo del Toro e un vampiro di The Strain – Photo Credits: web

Continua a seguirci su Metropolitan Magazine e resta in contatto con noi su Facebook, Instagram e Twitter!

Back to top button