Musica

Freddie Mercury, un uomo, una leggenda

Il 5 settembre 1946 nasce a Zanzibar Farrokh Bulsara, meglio conosciuto come Freddie Mercury; oggi il frontman avrebbe compiuto 75 anni. Freddie è stato il fondatore dei Queen, il genio della musica che diede vita ad opere d’arte come Innuendo, Bohemian Rhapsody, Barcelona, album che per la prima volta da vita ad un genere che nasce dalla fusione tra Rock e Opera, ma partimo dall’inizio. Tutta la storia di questa meravigliosa creatura inizia da un sogno, ovvero esplorare il mondo.

Freddie era soltanto un bambino quando affacciandosi sulle rive del mare di Zanzibar desiderava oltrepassare quei confini, ed esplorare tutto quello che c’era oltre l’orizzonte. Un giorno però questo suo desiderio si realizzò in una piccola parte, perchè i genitori lo mandarono a soli 7 anni all St. Peter’s Boys School in India (Panchgani), dove trascorse tutta la sua infanzia e l’adolescenza tra bullismo, solitudine, ingiustizie e un grande desiderio di libertà. Freddie non a caso non parla mai di questo suo passato troppo doloroso.

Il talento musicale di Freddie Mercury

L’unica nota positiva di questa sua porzione di vita è che in questa scuola è stato scoperto il suo grande talento musicale, che lo ha accompagnato per tutto il resto della sua vita, e che diventa tutto ciò che più desidera al mondo. Li studiava pianoforte, e cantava in un coro. Fondò anche una band di cui era il pianista.

Chiusa questa piccola parentesi, apriamo quella dove invece il suo sogno inizia a prendere forma, e cioè quando finalmente si trasferisce in Inghilterra, luogo dove si costruirà una nuova identità, coronerà i suoi sogni e nascerà la leggenda. Ma la strada continuerà ad essere in salita. Tuttavia Freddie a testa alta l’ha percorsa, ha scalato montagne ed ha raggiunto la vetta che desiderava. Ripercorriamo brevemente la sua storia da quando ha messo per la prima volta piede sulle strade inglesi.

Dall’ accademia artistica ai Queen

Freddie, come ben sappiamo aveva un enorme talento anche nell’arte visiva. Dipingeva divinamente, e sapeva fare ritratti bellissimi; i suoi soggetti preferiti spesso e volentieri erano tutti i suoi idoli come Jimi Hendrix. Questo lo porta a studiare all’Ealing Art College di Londra dove viene ammesso e si diploma in Art and Graphic Design. Mercury oltre a disegnare volti amava anche la moda, infatti prima di entrare nel corso di grafica studiava anche come stilista, e ha progettato diversi capi d’abbigliamento, con tanto di schizzo e tessuto di riferimento allegato al modello.

Fu durante gli studi alla scuola d’arte che conobbe Brian May e Roger Taylor, che all’epoca suonavano in una band chiamata Gli Smile. Freddie li seguiva ovunque e dava loro sempre un sacco di consigli e suggerimenti, perchè era una persona molto teatrale, dinamica e creativa, aveva sempre un sacco di idee. Soprattutto doveva sempre dire la sua! Questa giovane stella nascente desiderava sempre cantare, esibirsi, e quando un giorno il cantante degli Smile Tim Staffel lasciò la band, Freddie fece di tutto per entrarci.

Roger , Brian e la voce di Freddie

Roger e Brian inizialmente erano titubanti, perchè una delle caratteristiche della voce di Mercury, è un vibrato molto veloce e irregolare, che poteva essere anche fastidioso a un certo punto. Sta di fatto che alla fine lo hanno testato e si sono ricreduti, perchè Freddie aveva la voce più bella che avessero mai sentito. Poliedrico e versatile sapeva cantare un rock ruggente e poi passare ad un falsetto limpido, elegante.

Poi ritornava a cantare con una potenza unica nella voce. Una volta entrato nel gruppo Freddie prende in mano la situazione, stravolge tutto come un uragano, ecambia il nome dell band; Nascono i Queen, siamo nel 1970, in seguito il trio viene completato dall’ingresso del bassista John Deacon. Con il gruppo sono nati capolavori come Bohemian Rhapsody, Love of My life, Who Want To live For Ever, e tanti altri ancora che sarebbe impossibile nominare tutti.

Stile e presenza scenica

Alcune della caratteristiche che contraddistinguono la figura di Freddie Mercury sono il suo carisma, la sua straordinaria presenza scenica, e il suo stile eccentrico e particolarissimo. Ha cambiato svariatissimi look. Negli anni 70 esibiva una cascata di capelli nero corvino, che incorniciavano un viso angelico e due occhi ebano che parlavano da soli. Indossava abiti bianchi e neri attillatissimi che risaltvano il suo corpo scultoreo. Tutti i suoi abiti erano sempre in raso-seta, il suo tessuto preferito. Poi indossava pellicce, come nel video di Killer Queen, calzamaglie, lustrini e paillettes, tacchi e ballerine, tutine e soprattutto mini shorts di tutti i tipi; famosi sono i suoi “pop corn” shorts. Freddie era l’emblema assoluto del Glam-Rock.

Indossava lo smalto nero su una sola mano, la sinistra prevalentemente ed aveva un make-up molto acceso; risaltava particolarmente gli occhi con l’Eyeliner perchè con il suo sguardo felino voleva arrivare a tutti; soprattutto voleva che tutti potessero arrivare a lui, anche dalle ultime file. Poi arriva il cambiamento, che condurrà dopo una serie di altri look eccentrici, al Freddie radicato da sempre nella memoria collettiva. Quello con la giacca gialla, i baffi che sono diventati il suo marchio di fabbrica e il microfono a mezz’asta. Uno stile unico e inimitabile per un cantante talentuoso e scatenato come lui.

La tragica scomparsa di Freddie Mercury

Freddie Mercury ci lascia a soli 45 anni, a causa di una broncopolmonite sopraggiunta come conseguenza dell’AIDS che aveva contratto in un periodo in cui di questo male nulla si sapeva; ne dal punto di vista medico, ne dal punto di vista della prevenzione. Il Frontman ha combattuto la sua malattia per anni, senza mai un lamento, o qualche rancore verso la vita, che non è stata poi tanto clemente con lui.

Da 29 anni, il frontman ha lasciato la vita terrena, ma vive più che mai nel ricordo e nell’amore di ogni fan. Moltissime persone sia nel giorno del suo compleanno che in quello della sua scomparsa si recano in pellegrinaggio a Montreux per fare un saluto, una preghiera, o accendere una candela e lasciare doni e omaggi floreali davanti alla sua scultura, che si trova sulle rive del lago di Ginevra; luogo di pace e tranquillità per Freddie, che è un angelo volato via troppo presto.

Ilaria Cipolletta

Seguici su:

Twitter
Instagram
Facebook
Metropolitan Music
Spotify

Adv
Adv

Ilaria Cipolletta

Musicista, laureata in culture digitali e della comunicazione, e prossima a intraprendere la laurea magistrale in discipline delle arti della musica e dello spettacolo (DAMS), aspirante giornalista. Appassionata di fotografia, cultura, antropologia, e tradizioni folkloristiche, amante di arte, cinema e teatro. Ama viaggiare, e scoprire sempre cose nuove per raccontarle agli altri, ed arricchire il proprio bagaglio artistico e culturale.
Back to top button