Musica

Galil3o: “‘Viaggiare leggeri’ mi sembrava perfetto per il periodo che sto attraversando”

Un cantautore romano che ama viaggiare leggero e che sta preparando un disco d’esordio che sicuramente si rivelerà interessante. Galil3o è pronto per il grande salto e la sua “Viaggiare leggeri” lo accompagnerà in questo lungo viaggio.

Il brano è una ballata confidenziale, dai toni distesi e dal ritornello che conquista al primo ascolto, con un testo delicato e una musicalità vicina all’indie rock. Noi di Metropolitan Magazine, lo abbiamo raggiunto per farci raccontare questo nuovo progetto.

La nostra intervista a Galil3o per l’uscita di “Viaggiare leggeri”

MM: Ciao Galil3o, come stai e come stai vivendo questa situazione, dove sembra esserci uno spiraglio per la musica?

FG: «Dove c’è vita, c’è arte e viceversa. Dopo questo momento faticoso e doloroso si intravede una luce e spero che da questo spiraglio possano fuoriuscire la vita, l’arte, la musica e la bellezza che sono rimaste imprigionate dentro ognuno di noi. Io sono davvero contento di aver messo un punto e aver pubblicato il mio nuovo singolo “Viaggiare leggeri”, che si sta insinuando, appunto, all’interno di questo spiraglio. Mi sento diverso, sempre me stesso, ma nuovo, leggero…»

MM: Facendo un piccolo passo indietro, come mai hai deciso di utilizzare il nome d’arte Galil3o ?

FG: «Spesso mi vengono chiesti dei pareri, dei consigli (come faccio io a mia volta, del resto) e, quando finisco di dire la mia opinione, mi viene sempre risposto: “eh, se vabbè!” Oppure “ma ti pare dai, sei sempre il solito esagerato!” … per poi, a distanza di tempo (breve o lungo che sia), la maggior parte delle volte si scopre che non ero andato troppo lontano dalla verità. Così mi viene detto: “Oh, lo sai?! Avevi proprio ragione!».

Ho associato questi avvenimenti, con i dovuti paragoni e con una rivisitazione del tutto romanesca, al grande Galileo, perché lui aveva detto un sacco di cosine non banali e nessuno gli aveva creduto. È stato addirittura inquisito! Ancora oggi, però, studiamo e utilizziamo le sue teorie. Tanto scemo non era, no!? In più c’è una assonanza con il mio cognome e, quindi, il gioco è bello che fatto!».

MM: “Viaggiare leggeri” è il tuo nuovo singolo, ma come è nato questo brano?

FG: «L’ho scritto con il mio amico e autore Carlo Acreman, un po’ di tempo fa. Rileggendolo oggi, mi sembra perfetto per il periodo che sto attraversando. E, dagli scambi e dai feedback che ho ricevuto, non sono così solo; molte persone mi hanno ringraziato dicendomi che avevo colto anche il loro di momento: questa è la cosa più bella che possa capitarti quando scrivi una canzone! Ti dona il coraggio di continuare anche dopo questo periodo che abbiamo e stiamo ancora attraversando. Poi l’ho vestita con una musica semplice, leggera, nata chitarra e voce ed è rimasta con quel mood, così com’era».

MM: Non pensare male di me, è un viaggio dentro me non c’entri te”, l’introspezione è ben presente in questo brano. Tuttavia, quando guardiamo dentro di noi, non c’è il rischio di rivalutare anche l’esterno, una relazione o la vita vissuta fino a quel momento?

FG: «Lo chiami rischio… ma se fosse un’opportunità? A mio modesto parere è un bene scoprirsi e rivalutarsi ogni giorno, potresti scoprire cose sempre nuove, correggere quelle che non vanno, consolidare quelle che ti valorizzano».

Galil30 – Viaggiare leggeri

MM: A te è capitato di partire per ritrovare te stesso?

FG: «Ovvio che sì, mi sono dato questo obiettivo e sto cercando di farlo il più spesso possibile! PS: non potendo viaggiare fisicamente, mi sono arrangiato (ride ndr)».

MM: Galil3, si viaggia meglio “leggeri”?

FG: «Oh sì! Molto meglio… tornando seri, i viaggi per scoprire se stessi DEVONO avere quella leggerezza di non giudicarsi mai, ma di accettarsi e migliorare. Leggero è come dire libero, cosa c’è di più bello e prezioso della libertà?».

MM: Un testo delicato, con un ritornello facile da ricordare e una sonorità molto legata all’indie rock. Galil3o come mai hai scelto un brano così per inaugurare questo progetto?

FG: «Ho scelto questo brano perché pensavo fosse perfetto per dare il “la” e partire. Partire per questa nuova avventura. È un viaggio, dentro se stessi, ma da condividere, da cantare insieme e per scoprirsi nuovamente. Chi vuole partire con me?».

MM: Questo brano inoltre apre le porte al tuo disco d’esordio. Qual è l’emozione nel riuscire a dare vita ad un progetto così importante, dopo il periodo che abbiamo vissuto?

FG: «È un’emozione unica. Ho impiegato tanto tempo, disfatto e rifatto tante cose, ma adesso c’è Viaggiare leggeri, il punto di inizio… Sinceramente è complessa da spiegare… ci provo: è come se scoprissi che domani potresti partire per il posto che ami, senza alcun pensiero».

E il giorno dopo hai ancora la stessa sensazione, e quello dopo ancora e quello dopo ancora e ancora… Ho reso l’idea? Ci tengo a ringraziare tutto il team che sta lavorando attivamente con me: Agnese, Matteo e Alessandra e citare anche velocemente chi ha contribuito a metterlo in musica, ovvero chi l’ha arrangiato e prodotto: Luigi Di Chiappari e Andrea Guastadisegni. È stato poi masterizzato da Matteo Gabbianelli, presso lo Studio kuTso Noise Home. La copertina del singolo nasce, invece, da un dipinto originale dell’artista Mario Tavernaro, ispirato dalla canzone e rielaborato digitalmente da Eva Tavernaro. Tutte le foto sono di Matteo Casilli».

MM: L’album è in uscita in autunno, ma ci puoi già dire qualcosa?

FG: «Quante cose vi vorrei dire e quante cose vorrei raccontarvi… davvero! Per il momento niente spoiler, anche se vi anticipo che a giugno potrebbe succedere qualcosa…»

É stato davvero un piacere, un saluto a tutti i lettori di Metropolitan Magazine, ci si becca in giro, ora che si può!

Seguici su

Facebook, Metropolitan Music, Instagram, La Rivista Metropolitan Magazine N2

Adv
Adv
Adv
Back to top button