Cronaca

Gaslighting: cosa fare quando lo vediamo

Ieri abbiamo parlato di come riconoscere il Gaslighting. Oggi vi diciamo cosa fare per aiutare voi stessx in una situazione simile.

Può essere estremamente difficile tirarsi fuori da una dinamica di di gaslighting. Ma è possibile. La risposta è una maggiore consapevolezza emotiva e autoregolazione, sia la conoscenza che la pratica.

Ecco i passaggi che hanno aiutato i pazienti della Blogger e terapeuta Robin Stern negli ultimi due decenni.

Una guida pratica contro il Gaslighting:

1) Identifica il problema. Riconoscere il problema è il primo passo. Indica cosa sta succedendo tra te e il tuo coniuge, amico, familiare, collega o capo.

2) Separare la verità dalla distorsione. Annota la tua conversazione in un diario in modo da poterla esaminare in modo obiettivo. Dove sta deviando la conversazione dalla realtà nel punto di vista dell’altra persona? Quindi, dopo aver guardato con sguardo esterno il dialogo, scrivi come ti sei sentito. Scrivere ti allontana da momenti di forte intensità emotiva dove sarai meno lucida. Cerca segni di una ripetuta negazione della tua esperienza nel confronto col partner.

3) Cerca di capire se sei in una lotta di potere con il tuo partner. Se ti ritrovi a fare la stessa conversazione più e più volte e non riesci a convincerli a riconoscere il tuo punto di vista, potresti essere in questo tipo di situazione.

4) Impegnati in un esercizio mentale per incoraggiare un cambiamento di mentalità: visualizza te stesso senza la relazione o continuala a una distanza molto maggiore. È importante sottolineare che metti la visione in una luce positiva, anche se ti fa provare ansia. Pensa lungo la strada quando avrai la tua realtà, supporto sociale e integrità.

5) Concediti il ​​permesso di provare tutti i tuoi sentimenti. Accetta e riconosci che quello che senti va bene. Consiglio di tenere traccia dei tuoi sentimenti. Considera l’idea di provare l’app Mood Meter che Marc Brackett e Robin Stern hanno sviluppato presso lo Yale Center for Emotional Intelligence (sono due fonti importanti per questi articoli, ndr); è un modo semplice per facilitare l’apprendimento delle tue emozioni e tenere traccia dei tuoi schemi, permettendoti di imparare cosa innesca i tuoi sentimenti e fornisce strategie utili per cambiare i tuoi stati d’animo.

6) Concediti di rinunciare. Parte di ciò che rende doloroso e difficile lasciare una relazione a gas è che il gaslighter potrebbe essere l’unico “qualcuno” con cui ti sei impegnato. Si tratta di solito di una persona fondamentale: come il tuo migliore amico, tua madre, tua sorella o tuo fratello. Va bene allontanarsi dalla tossicità, indipendentemente dalla fonte.

7) Parla con i tuoi amici più stretti. Chiedigli se sembri te stesso e fai un controllo della realtà sul comportamento del tuo coniuge. Chiedi loro di essere brutalmente onesti.

8) Concentrati sui sentimenti invece che sul giusto e sul sbagliato. È facile farsi prendere dal voler avere ragione o passare infinite ore a rimuginare su chi ha ragione. Ma determinare chi ha ragione e chi ha torto è meno importante di come ti senti: se la tua conversazione ti fa sentire male o ti fa riflettere, questo è ciò a cui devi prestare attenzione. Avere un senso di benessere psicologico ed emotivo in una relazione è più importante di chi ha ragione o torto in qualsiasi conversazione.

9) Ricorda che non puoi controllare l’opinione di nessuno, anche se hai ragione. Potresti non convincere mai il tuo amico, il tuo capo o il tuo partner a concordare sul fatto che non sei troppo sensibile o troppo controllato o troppo altro. Devi lasciar andare i tentativi, per quanto possa essere esasperante. L’unica persona di cui puoi controllare l’opinione è la tua.

10) Abbi compassione di te stesso. Questo è davvero difficile anche quando non sei in una dinamica compromettente. Non colpevolizzarti, responsabilizzati. La differenza è sostanziale e ti permette di usare gli errori come stimoli a migliorare e ricorda che non hai alcuna colpa da espiare.

Vi è piaciuta la guida?

Speriamo tanto possa esservi utile. Non abbiamo finito qui con le nostre analisi delle dinamiche umane e delle relazioni di co-dipendenza. Ci teniamo a specificare che questi articoli non presuppongono un ruolo di genere per abusato e abusatore: è rivolto tanto alle donne quanto agli uomini vittimi di abusi. STAYBRAVE!

Segui BRAVE su Instagram e su Facebook.

Maria Paola Pizzonia

Studentessa di Sociologia Politica alla Sapienza di Roma e Fumettista per la Scuola Romana del Fumetto. Ha conseguito l'attestato di Scrittura alla Scuola di Narrativa e Saggistica Omero di Roma. Ha partecipato fino al 2016 agli Studi Pirandelliani di Agrigento. Ha lavorato con Live Social by Radio Capital. Assistente di redazione per Pagine Edizioni. Scrive anche per Chiasmo Magazine, Mangiatori di Cervello, Octonet. Redattrice di Metrò per Cinema, Attualità&Politica, Infonerd. Ha lavorato al progetto BRAVE GIRLS di cui si occupa attualmente.
Back to top button