Esteri

Germania, Robert Koch institut: “È iniziata la quarta ondata”

Adv

“È iniziata la quarta ondata” della pandemia di coronavirus in Germania. Lo ha detto Lothar Wieler, il presidente dell’istituto di salute pubblica tedesco, Robert Koch institut, in una video-conferenza con Il ministro a capo dell’Ufficio di Cancelleria Helge Braun e i responsabili delle Cancellerie dei 16 Laender tedeschi.

Ma una decisione su come procedere in futuro sarà presa solo ;il 10 agosto, quando si terrà la prossima conferenza tra la cancelliera Angela Merkel e i ministri-presidenti dei Laender per decidere le nuove misure da prendere. 

La Germania vuole inasprire i requisiti d’ingresso nel Paese obbligando tutti i viaggiatori, indipendentemente dallo Stato di provenienza, a fornire un test negativo per il Coronavirus nel tentativo di frenare il rapido aumento dei contagi. Secondo il gruppo di media Funke, il ministero della Sanità tedesco vuole “un’espansione dei requisiti dei test all’ingresso il più rapidamente possibile”.  Finora solo i passeggeri aerei e coloro che entrano da aree ad alto rischio devono fornire un test negativo per il Coronavirus, a meno che non siano completamente vaccinati o si siano totalmente ripresi dal Covid.
Il ministro della Salute Jens Spahn vuole rendere obbligatorio un test indipendentemente dalla provenienza dei viaggiatori e dai mezzi di trasporto utilizzati, spiega ancora il gruppo Funke. Non è chiaro, invece, se i nuovi requisiti sarebbero applicati anche alle persone completamente vaccinate.  I casi di Covid-19 sono in aumento in Germania dall’inizio di luglio, principalmente a causa della diffusione della variante Delta del Covid, molto più contagiosa. Intanto in Germania rallenta la campagna vaccinale: il 49,7% della popolazione ha ricevuto le due dosi.

Adv
Adv
Adv
Back to top button