Sport

Gianmarco Tamberi: “Anno pazzesco per il nostro sport, matrimonio? Dico…”

Tra passato, presente e futuro, ecco cosa ha detto uno degli eroi azzurri di quest’anno fantastico per lo sport italiano. Gianmarco Tamberi si è focalizzato sui prossimi obiettivi stagionali parlando, anche, del possibile matrimonio che lo potrebbe attendere al varco.

Le parole di Gianmarco Tamberi

Ecco le parole dell’atleta azzurro rilasciate alla premiazione dei Gazzetta Sports Awards con il riconoscimento ‘Emozione dell’anno’:

“Quello che è successo quest’anno è pazzesco per il nostro sport: tantissimi si sono avvicinati all’atletica, fa davvero molto piacere e spero aiuti a farla rinascere. Dopo tanti anni che si insegue un obiettivo così grande si fatica anche a realizzare che sia vero. Non avrei potuto immaginarlo in modo più bello. Una vittoria che rimarca anche l’amicizia con Barshim. Matrimonio? Chiedete a Chiara, ho piena fiducia in lei. Il Mondiale di Eugene è una tappa fondamentale per confermare questo fantastico 2021. Non sarà semplice confermarsi ma nemmeno fare ciò che ho fatto: è stato come togliersi un peso enorme dalle spalle. Cinque anni a rincorrere questo sogno che sembrava irraggiungibile, esserci riuscito mi fa sentire la fiducia di tutti. Non vedo l’ora di gareggiare a Eugene, ora devo imparare a convivere con ciò che di nuovo mi circonda. Trovo importante comunicare e condividere il mio percorso fino a questo Natale, ma ovviamente mi sto anche allenando. Dal 2022 occhi solo all’obiettivo. In questi anni era la voglia di riscatto a spingermi. Noi atleti ci nasciamo con la voglia di vincere, non basta mai. La vittoria è come una droga”.

“Nel mio pianto dopo la vittoria si era rivisto tutto quello che ho passato in questi anni e nel volerci credere fino alla fine. Dopo l’infortunio del 2016 in tanti si ricordavano di me per quel momento: avermi rivisto dopo cinque anni con l’oro penso sia stato magico anche per loro. Mi sto allenando con costanza, ho sentito l’urgenza di tornare presto in pedana. Io e Chiara siamo stati in vacanza dopo la Diamond League, abbiamo respirato e ci siamo resi conto di quello che è successo. Se avessi vinto a Rio non avrei provato neanche un decimo della gioia di Tokyo. Ho toccato il fondo, però mi ha permesso di vivere il momento più bello”.

Seguici su Metropolitan Magazine

(Credit foto – Pagina Facebook Gianmarco Tamberi)

Back to top button