Gossip e TV

Gli Album di “Freedom – Oltre il confine” anticipazioni puntata 13 maggio: Roberto Giacobbo alla scoperta de gli “Infernotti”

Dopo 23 puntate consecutive da oltre 150 minuti, completamente autoprodotte e girate in Italia e all’estero, «Freedom – Oltre il Confine» prosegue il suo viaggio su Italia 1, questa sera 13 maggio in prime-time, con gli Album di Freedom

La quinta puntata monotematica degli Album, in onda dallo studio virtuale del programma, vede Roberto Giacobbo e il suo team esplorare mondi sotterranei, luoghi suggestivi e imperdibili, spesso chiusi al pubblico o molto difficili, se non impossibili, da raggiungere. La serata si apre con gli “infernotti” di uno storico palazzo di Via Po, a Torino, attualmente chiusi al pubblico. Strutture sotterranee, che nei secoli sono serviti da cantine per la conservazione di cibi e bevande, da rifugi durante le guerre e persino utilizzati dalla carboneria in epoca risorgimentale. Quelli posti all’ingresso della città piemontese fungevano da “punti anti epidemia”.

Gli Album di “Freedom – Oltre Il Confine” nella puntata di stasera 14 maggio il viaggio nella Fontana Di Trevi

Da Napoli, Freedom racconta per immagini la Piscina Mirabilis, la Cattedrale dell’Acqua, un’enorme cisterna che doveva rifornire la più importante flotta dell’Impero Romano stanziata nel porto di Miseno, un’insenatura naturale nel Golfo di Napoli. A Roma, il viaggio di Freedom prosegue all’interno della fontana più famosa del mondo: la Fontana di Trevi. Con Giacobbo, i telespettatori scoprono i segreti che si nascondono nel suo sottosuolo, scendendo attraverso una delle scalinate più belle per giungere alla struttura che alimenta la fontana.

Si tratta dell’Acquedotto Vergine, uno degli undici acquedotti storici che portavano acqua alla Capitale e l’unico a essere rimasto sempre in funzione. Un percorso straordinario mostrato in TV per la prima volta, da Freedom. Per conoscere il sotterraneo più curioso e divertente mai mostrato da Freedom, Giacobbo vola in Irlanda, in un luogo dove si dice che abitino i folletti e dove per qualcuno è ancora possibile vederli! Tornato in Italia, Freedom entra nella sala sotterranea più grande del mondo: la Grotta Gigante di Trieste.

Roberto Giacobbo ed il team di Freedom a Catania per Il “Colosseo Nero”

Un vero e proprio monumento plasmato dalla natura in 10 milioni di anni. Goccia dopo goccia, l’acqua ha creato 3.000 cavità sotterranee, accessibili grazie a una scalinata di 500 gradini (interamente percorsa dal team). Dal Nord si passa alla Sicilia, alla scoperta del Colosseo Nero, l’anfiteatro romano secondo per grandezza soltanto al Colosseo di Roma. Si trova sottoterra, in pieno centro, a Catania. Nella città dell’Etna, Giacobbo racconta anche la storia del Velo di Sant’Agata che, secondo la tradizione, ha protetto nel tempo la città dalla lava.

Per osservare da vicino la preziosa reliquia, Freedom ha ricevuto un permesso speciale dell’Arcidiocesi. Freedom torna quindi nell’Antica Roma, per vedere il Mitreo dell’Ara Massima di Ercole, un luogo esclusivo dedicato al culto di Mithra, un’antica divinità che 2.000 anni fa era talmente diffusa da competere con il cristianesimo. Un sito di eccezionale importanza, che ancora oggi custodisce alcuni segreti di questo antico e misterioso culto. Uno dei tanti permessi speciali di Freedom.

Infine, la Campania, per entrare nella Napoli sotterranea, dove si nasconde una delle città nascoste più grandi del mondo. Giacobbo esplora la rete di cunicoli collegata alla Galleria Borbonica, fatta di antiche cave, immense cisterne e rifugi antiaerei della Seconda guerra mondiale. Immagini uniche, grazie all’inedito punto di vista offerto dal drone di Freedom che, nonostante le difficoltà del luogo, ha volato tra i cunicoli.

Seguici su

Facebook, Instagram, Metrò, La Rivista Metropolitan Magazine N1

Adv
Adv

nickyabrami

Siciliana trapiantata a Roma. Abbandonati gli studi universitari, ho girato e giro in lungo e largo l'Italia per amore della musica e per passare qualche giorno in compagnia dei miei amici e di un buon bicchiere di vino. Ho collaborato con magazine musicali scrivendo live report su vari artisti italiani e stranieri e da gennaio 2017 ho occhi solo per Metropolitan Magazine
Back to top button