Musica

Goran Bregovic, quella danza che unisce a ritmo dei Balcani

Il grande maestro e compositore Goran Bregovic oggi compie 70 anni. Nato il 22 Marzo 1950 a Sarajevo, con le sue raffinate composizioni che sono un mix di folk balcanico e tecnologia conquista l’Europa in un batter d’occhio. Una commistione di generi, culture e tradizioni, ed è così che ha abbattuto qualsiasi muro. E’ la collaborazione con il regista Emir Kusturica per la colonna sonora del film “Il tempo dei gitani” a lanciare Bregovic nel panorama musicale internazionale.

Goran Bregovic, quella danza che unisce a ritmo dei Balcani
Goran Bregovic Photo Credit @Anto_Italy

Letters from Sarajevo

Bregovic e Kusturica lavoreranno insieme diversi anni, con “Gatto nero gatto bianco” del 1998 ad “Underground”, Palma d’oro a Cannes nel 1995. Risalgono circa a venti i lavori discografici del musicista ma chi lo ha visto dal vivo giura che è uno spettacolo irripetibile, e ha calcato i più grandi palcoscenici del mondo. Il suo ultimo progetto, Three Letters from Sarajevo, rappresenta le tre religioni che convivono a Sarajevo: Cristianesimo, Ebraismo e Islam.

Goran Bregovic, quella danza che unisce a ritmo dei Balcani
Orchestra Photo Credit: @Sergio Coppi

Goran Bregovic : linguaggio universale

«Mio papà è cattolico, mia mamma è ortodossa, mia moglie è musulmana. E mi sento anche un po’ gitano. Forse perché per mio padre, colonnello dell’esercito, era inaccettabile che facessi il musicista, un mestiere “da gitano”, come diceva lui», ha detto Bregovic.

L’album Three Letters from Sarajevo è uscito nell ottobre del 2017, cinque anni dopo il precedente “Champagne for Gypsies” e vede la partecipazione delle voci dei cantanti Rachid Taha, Bebe, Riff Cohen, e Asaf Avidan. La sua musica è divenuta senza dubbio sinonimo di un linguaggio universale.

Back to top button