Gravenberch, la Juventus sulla giovane stella

C’è anche la Juventus in corsa per Ryan Gravenberch, gioiellino dell’Ajax. Il giovane classe 2002, di origine surinamesi, con solo 16 presenze ha già attirato su di sé l’interesse di importanti club europei. I bianconeri seguono il ragazzo con particolare attenzione: in molti definiscono il nuovo Paul Pogba ed i termini di paragone, effettivamente, potrebbero esserci. In comune con il giocatore francese, oltre il potenziale tecnico e fisico, la promessa dei “Lancieri” ha il potente procuratore Mino Raiola. Vera e propria garanzia in questi casi.

I buoni rapporti con Raiola spingono Gravenberch sotto la Mole?

Proprio facendo leva sui buoni rapporti con il manager italiano, la Juventus vorrebbe tentare quello che, ad oggi, sarebbe uno dei colpi di calciomercato in prospettiva più interessanti del panorama europeo. I torinesi, oltretutto, possono vantare una sorta di “canale preferenziale” anche con l’Ajax: l’affare che ha portato De Ligt in bianconero, sempre con la regia di Mino Raiola, ha rafforzato il legame tra le due società. Una bottega, quella olandese, che la proprietà Agnelii conosce bene: dai Paesi Bassi, infatti, arrivò diverso tempo fa un giovane Zlatan Ibrahimovic. Corsi e ricorsi storici di buon auspicio per i tifosi della “Vecchia Signora“.

La concorrenza è forte ed agguerrita

Ryan Gravenberch gode di una possente struttura fisica: 190 cm per 83 kg. Un fisico che, però, non gli impedisce di avere una discreta eleganza con il pallone ed un potente tiro dalla distanza. Investire su di lui oggi, significa acquisire un talento che potrebbe diventare un vero e proprio crack di calciomercato. Il prezzo del suo cartellino è destinato a salire in base alle prestazioni, fin qui ottime, del ragazzo. L’Ajax, dal canto suo, attende di ricevere offerte dai club interessati. Oltre la Juventus, secondo TuttoJuve, ci sarebbe l’interesse concreto del Manchester United, ma anche il Barcellona sta visionando in maniera attenta le prestazioni della nuova stellina del calcio europeo.

Seguici su Metropolitan Magazine

© RIPRODUZIONE RISERVATA