In occasione di Halloween scopriamo il nesso tra la danza e i rituali di stregoneria della Wicca

Cos’è la Wicca?

Halloween aveva un significato fondamentale all’interno della Wicca. Essa è un recente culto neo-pagano di tipo misterico che trova fondamento nelle pratiche medievali di stregoneria e da lì si sviluppa. Esso nasce intorno agli anni ’20 ma è reso pubblico per la prima volta dall’esperto di esoterismo britannico Gerald Gardner. Egli riscrisse gran parte delle pratiche rituali wiccan insieme alla poetessa e sacerdotessa Doreen Valiente.

Gerald Gardner, Halloween - Photo credit : Wicca daily
Gerald Gardner – Photo credit: Wicca daily

Quando la legislazione inglese smise di proibire la stregoneria, ovvero negli anni ’50, Gardner pubblicò diversi libri sulla wicca, come Witchcraft Today e The Meaning of Witchcraft. All’interno di essi l’autore spiega come la wicca è un culto che prende le mosse da religioni matriarcali legate alla Dea Madre e racconta la sua personale iniziazione. Inizialmente alcune storiche notano la somiglianza della ritualistica scritta da Gardner con la filosofia Thelema fondata da Aleister Crowley, noto esoterista britannico di fine ‘800. D’altro canto Gardner scrisse di aver appreso i rituali da una certa Vecchia Dorothy che lo storico Ronald Hutton identifica come Edith Rose Woodford-Grimes, sacerdotessa wiccan. In seguito l’autore ammise che la ritualistica da lei appresa era frammentaria, motivo per cui si ispirò ad altre influenze per completarla.

Doreen Valiente, Halloween - Photo credit: The Indipendent
Doreen Valiente – Photo credit: The Indipendent

La spiegazione dell’iniziazione di Gardner rimane controversa e il dibattito su questo culto ancora aperto. Nonostante ciò, esso conta 250 mila praticanti in Gran Bretagna ed è molto diffuso anche in Italia.

La danza di Halloween e i riti wiccan

Nella Wicca tradizionale la danza era la principale espressione religiosa e magica. Esistevano, dunque, tre tipi di danza rituale:

  • Ring dance o “danza in cerchio”
  • Following dance o “danza del seguace”
  • Leaping dance o “danza saltata”

La ring dance

Attraverso questa danza i seguaci della Wicca, disposti in cerchio al centro di un altare, sollevavano le mani in aria. Spesso al centro del cerchio veniva posto un oggetto che identificava il motivo della danza e lo scopo di essa. Generalmente i membri giravano intorno all’oggetto per investirlo del potere che necessitava e lo alzavano insieme attraverso uno sforzo fisico comune.

Danza circolare, Halloween - Photo credit: aminoapps
Danza circolare – Photo credit: aminoapps

In un altro tipo di ring dance il capo della congrega si trovava al centro del cerchio e riceveva il potere dal contatto con le mani dei membri. Una volta ottenuto il potere invitava tutti/e a lasciarsi cadere in modo da poterlo liberare. Spesso questa danza era accompagnata da canti rivolti alle dee o agli elementi naturali e avveniva in senso orario, per magia buona, in senso antiorario per magia nera.

La following dance

Questa danza avveniva dopo la ring dance e i/le seguaci scioglievano il cerchio e andavano per la campagna, seguendo la guida del gruppo. Molto spesso, durante la danza si imitavano gli animali. La following dance era usata a scopi magici solo se la ring dance aveva avuto esclusivamente scopi ritualistici.

Danza nella natura - Photo credit: pinterest
Danza nella natura – Photo credit: pinterest

La leaping dance

Questa è la danza più interessante che si lega alla figura della strega come noi la conosciamo. Piuttosto che girare intorno ad un oggetto, come nella danza circolare, nella leaping dance si saltava al di là dello stesso per favorire una buona sorte. Ad esempio si poneva a terra un mucchio di frutta e verdura e si saltava al di là di esso per auspicare il buon raccolto. A volte il salto avveniva con le scope, è da qui che probabilmente nasce l’immagine odierna della strega a cavallo della sua scopa.

Ballerine nel bosco - Photo credit: madisonamps.org
Ballerine nel bosco – Photo credit: madisonamps.org

La leaping dance costituiva anche una vera e propria prova iniziatica per le nuove seguaci, le quali dovevano saltare al di là di pietre sacre o fuochi purificatori. Un’altra prova iniziatica legata a questa danza consisteva nel lasciare la nuova adepta legata a terra da sola nella foresta e prevedeva che gli/le altri/e saltassero al di là di ella. La prova perdurava finché l’adepta smetteva di avere paura e cominciava a fidarsi della congrega. Dopodiché era ben accolta e nominata “strega”.

Per i wiccan la notte di Halloween costituisce un momento in cui la propria anima può giungere in contatto con il passato. Ciò non ha nulla a che fare con riti satanici e/o rituali terrificanti! Perciò sfruttate anche voi questa festività per ritrovare il vostro io più profondo.

Seguici su:

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter uuffiaciale Metropolitan Magazine Italia

Account Facebook dell’autrice

© RIPRODUZIONE RISERVATA