Sulle tracce di Erling Haaland. Con la speranza, per il calcio norvegese, di poter contare su un altro straordinario talento. La Nazionale scandinava, ormai da tempo, si coccola la punta del Borussia Dortmund che, a breve giro di posta, è riuscita ad imporsi nel calcio internazionale grazie alle prestazioni sontuose al Salisburgo e, attualmente, in Bundesliga. La primavera del calcio norvegese, però, potrebbe continuare con l’esplosione di un nuovo profilo: si tratta di Jens Petter Hauge. L’ala sinistra, avversario del Milan in Europa League, ha stregato i dirigenti rossoneri. È in piedi una trattativa per portare il classe 1999, di proprietà del Bodø/Glimt, in Italia.

Hauge (getty images)
Hauge (Getty Images)

Hauge, un giovane norvegese al Milan?

Un goal ed un assist nella sconfitta del suo club (3-2) contro il Milan. I rossoneri, nella notte di Europa League, potrebbero aver conquistato qualcosa di più di una semplice qualificazione. I dirigenti meneghini, infatti, si sono convinti definitivamente sulle qualità tecniche di Jens Petter Hauge, attaccante esterno norvegese del Bodø/Glimt. Una trattativa vera e propria ancora non è iniziata tra i due club ma Paolo Maldini e Frederic Massara hanno intensificato i contatti con l’entourage del calciatore. Obiettivo: battere sul tempo la concorrenza assicurandosi la firma di un potenziale, nuovo, talento.

Sulle tracce di Haaland

Il paragone con Erling Haaland è immediato. Giovane e norvegese. Anche se, a differenza del calciatore del Borussia Dortmund, preferisce partire dall’esterno. Jens Petter Hauge ha svolto tutta la trafila delle giovanili con la Norvegia fermandosi, solo per il momento, alla selezione dell’Under 21. Le ottime prestazioni, però, potrebbero spalancargli presto le porte della Nazionale A. Gioca al Bodø/Glimt con il quale ha messo insieme 45 partite segnando 20 goal. Alto 1.84, il giocatore può tranquillamente ricoprire anche il ruolo di prima punta. È tecnico, rapido e possiede un gran tiro dalla distanza. Sarà lui la nuova scommessa del Milan di Stefano Pioli?

© RIPRODUZIONE RISERVATA