Esteri

Hawaii, il Mauna Loa erutta dopo quasi 40 anni

Il più grande vulcano attivo del pianeta, il Mauna Loa – situato sulla Grande Isola, la principale delle Hawaii – è tornato ad eruttare a quasi 40 anni dall’ultima volta.

Il Mauna Loa torna in attività, i dettagli

Hawaii, il Mauna Loa erutta dopo quasi 40 anni
Il Mauna Loa in fase di eruzione – Photo Credits Bruce Omori

Tutto è iniziato intorno alle 23:30 locali di domenica 27 novembre (le 10:30 del mattino del 28 novembre in Italia) ed è diventata rapidamente visibile da Kona, una delle località turistiche maggiormente conosciute lungo la costa occidentale dell’isola.

Secondo le stime dei ricercatori, il vulcano è in fase attiva da circa 700mila anni e sarebbe emerso dal fondale marinomentre che la lava costruiva l’edificio vulcanico circa 400mila anni fa. Inoltre, sempre secondo gli esperti dell’USGS, l’Istituto geologico degli Stati Uniti, dal 1843 si sono contate 33 eruzioni del Mauna Loa. Il suo nome letteralmente significa “montagna lunga” e da solo costituisce poco più della metà dell’intera Grande Isola. Solitamente le sue eruzioni vulcaniche hanno la caratteristica di essere poco viscose, di conseguenza la lava fluisce facilmente e non si verificano particolari esplosioni nelle vicinanze del cratere.

Motivo per il quale, al momento, non si è resa necessaria l’evacuazione delle aree circostanti. Sono stati comunque attivati una serie di rifugi a scopo precauzionale; per di più, deve essere sempre attivo il monitoraggio in quanto le polveri e i gas – che viaggiano per molti chilometri – potrebbero causare qualche problematica.

I particolari dell’ultima eruzione del Mauna Loa, Hawaii

Nella sua fase iniziale, l’eruzione vulcanica del 27 novembre scorso, ha interessato il cratere superiore del Mauna Loa, alto 4.169 metri, mentre nelle ore successive l’Istituto geologico degli Stati Uniti ha constatato che la lava aveva iniziato a fluire nell’area nord-orientale del vulcano. Questo dovrebbe, sempre secondo i ricercatori, ridurre il rischio che la lava possa spostarsi a ovest, in direzione di Kona, poiché solitamente le eruzioni del Mauna Loa interessano unicamente un settore del grande vulcano. Inoltre, il versante nord-orientale è scarsamente scosceso, di conseguenza la lava potrebbe impiegare settimane prima di raggiungere eventualmente le aree abitate. Ad ogni modo, gli esperti credono che molto dipenderà anche dalla quantità di materiale prodotta dall’eruzione nei prossimi giorni.

Come abbiamo detto, la situazione è costantemente e attentamente monitorata, anche perché spesso le eruzioni del Mauna Loa sono accompagnate da intensi terremoti. Si pensi infatti che il terremoto più forte mai registrato alle Hawaii, avvenuto nel 1868, è stato ricondotto proprio all’attività del vulcano. Ad ogni modo, non vi è la certezza che l’eruzione comporterà necessariamente un’attività sismica.

Serena Pala

Seguici su Google News

Back to top button