Economia

I Tribunali sono il luogo in cui si trova L’uomo Misterioso Di Bitcoin

Il suo ministero sulla terra, quello di Satoshi Nakamoto, durò poco più di due anni.

Dalla fine del 2008, Satoshi (un nome di battesimo maschile) ha pubblicato un libro bianco che delineava i principi per una valuta che potesse funzionare senza un’autorità centrale. Ha anche pubblicato il codice per mettere in pratica Bitcoin e ha partecipato a discussioni web sul suo sviluppo e debug.

Dicembre 2010 è stata l’ultima volta che sono stati fatti commenti pubblici. Dopo un po’, gli scambi di email con gli sviluppatori sono continuati, ma Satoshi Nakamoto è scomparso senza lasciare traccia.

La sua identità è un mistero

Questa è almeno la versione di consenso tra il variegato gruppo di visionari, geni e imprenditori testardi che compongono la comunità globale di Bitcoin. Una serie di azioni giudiziarie inglesi potrebbe modificare la versione autorizzata. Il dottor Craig Wright, un accademico australiano che è anche un imprenditore di Bitcoin, è quello che ci darà più dati.

Wright afferma che l’identità di Satoshi non è un mistero perché è lui. Wright ha registrato il copyright degli Stati Uniti sul white paper del fondatore di Bitcoin e il codice del computer originale. L’Alta Corte ha stabilito a giugno che il sito web bitcoin.org aveva violato i diritti di Wright.

Wright perseguirà inoltre energicamente azioni diffamatorie contro chiunque contesti la sua affermazione. Uno di questi casi, che è stato portato contro un podcaster chiamato Peter McCormack, è stato citato in un’udienza preliminare. Questa sentenza, che aveva 256 paragrafi, è stata emessa dalla Queen’s Bench Division questo mese. Un altro blogger è stato citato in giudizio.

Secondo il giudice Julian Knowles , Wright “ha affermato con insinuazioni che le parole significavano e sono state intese nel senso che il ricorrente ha affermato fraudolentemente di essere stato Satoshi Nakamoto”. Non ci sono molte allusioni nelle frasi lamentate come: “Craig Wright, una fottuta bugia, ed è un impostore; e… è un idiota”. (McCormack riconosce la pubblicazione.

È ovvio che Satoshi Nakamoto dovrebbe essere riconosciuto come tale. La crescente preoccupazione delle forze dell’ordine sull’uso di Bitcoin per finanziare attività terroristiche e criminali è il motivo per cui “Satoshi è scomparso”. Queste preoccupazioni non sono scomparse. Anche le autorità dei servizi finanziari potrebbero essere interessate. Le partecipazioni in Bitcoin di Satoshi valgono in teoria 60 miliardi di dollari.

Chi volesse cogliere l’occasione per investire in Bitcoin, lo può fare attraverso Bitiq. Vedi ​​Bitiq come funziona, per saperne di più su questa piattaforma e i suoi vantaggi.

La Causa

Wright sta attualmente difendendo una causa negli Stati Uniti relativa alla proprietà di Bitcoin.Il mese prossimo si aprirà un processo a Miami.

La reazione emotiva all’affermazione di Wright è anche un segno della comunità Bitcoin. L’industria del tentativo di trovare l’identità di Satoshi è cresciuta negli ultimi dieci anni.

A volte, la rabbia degli accoliti di Satoshi per l’affermazione di Wright ricorda loro la controversia sulla paternità di Shakespeare. In cui i belligeranti non riuscivano a credere che l’autore di Amleto fosse un guantaio di Stratford piuttosto che un personaggio più famoso (Shakespeare non aveva familiarità con i tribunali.

Sfortunatamente, il meglio che possiamo sperare nell’attuale questione di diffamazione è un miglioramento al Defamation Act 2013. Il giudice la scorsa settimana ha preso in considerazione solo quattro delle domande presentate dalle parti in un caso che aveva una “precedenza procedurale complicata e prolungata”.

Si prevede che l’udienza di merito di tre giorni attirerà molta attenzione nel settore delle criptovalute. La corte non dichiarerà il dottor Craig Wright Satoshi Nakamoto. Questo non è compito del tribunale. Dovrebbe risolvere le controversie tra due parti.

L’imputato ha in ogni caso ritirato la sua difesa sulla base della verità nella sua dichiarazione su Wright e non Satoshi. Probabilmente ha agito con buon senso. La legge inglese sulla diffamazione richiede che chiunque affermi la verità debba dimostrarlo.

Conclusione

È difficile dimostrare un negativo in un’area così complessa ed emotivamente carica come la criptovaluta. McCormack ha dichiarato alla corte che avrebbe continuato la sua difesa della verità, insieme all’interesse pubblico e agli abusi del processo, se avesse avuto i fondi.

Adv
Adv
Adv
Back to top button