Metropolitan Today

Il 6 settembre del 1959, la Mattel commercializza la prima Barbie

Regina indiscussa di tutti i giocattoli, da generazioni e generazioni, parliamo della Barbie. Era infatti il 6 settembre del 1959, quando la casa di produzione di giochi per bambini, la Mattel, commercializza ufficialmente la prima Barbie. In realtà però, il progetto dell’iconica bambola, nasce qualche mese prima. Nel mese di marzo, in una cittadina americana del Wisconsin, Willow, nasceva il primo prototipo di Barbie.

La Barbie, nasce come un giocattolo rivoluzionario per l’epoca. Ci troviamo alla fine degli anni 50‘, tra bambolotti da cullare e bambole di porcellana da contemplare immobili e con abiti pomposi e fuori moda. Arriva l’iconica Barbie, con un look accattivante, sempre al passo con i tempi, super fashion e in una versione da giovane ragazza. L’idea di rappresentare, una donna adulta, a differenza dei soliti neonati giocattolo da accudire, parte dalla moglie del patron di Mattel. Intuizione che fin da subito si dimostra di successo. Infatti si stima che già nel primo anno di produzione, siano state acquistate migliaia e migliaia di Barbie. Diventando così, uno dei prodotti di punta della Mattel, che grazie a questa famosa bambola, diventa una multinazionale da milioni di dollari.

Lo sapevi che…

Barbie- credits: supereva.it
credits: supereva.it

Se oggi la conosciamo con il celebre appellativo di Barbie, in realtà la giovane e modaiola doll, nasce con il nome di Barbara Millicent Robert. Conosciuta anche come “l’iconica bionda”, anche se i primi esemplari messi in commercio, avevano i capelli scuri ed indossavano attillati e sexy costumi da bagno. Nei primi anni 70′ la Barbie cambia colore di capelli, per adottare un appariscente e luminoso biondo Barbie, appunto. Per decenni la celebre bambola, non ha solo dettato tendenza negli abiti, ma ha anche contribuito nelle battaglie di emancipazione ed uguaglianza.

Così Barbie, diventa medico, donna in carriera, astronauta, pilota, addirittura candidata alla presidenza degli Stai Uniti d’America. Tutto per incrementare la fame di ambizione delle giovani bambine di tutto il mondo, che possono sognare di essere tutto ciò che vogliono, senza alcuno ostacolo di genere e di etnia. Per questo Barbie ha la carnagione bianca, ma anche nera, ambrata ed orientale. Perchè è la bambola più amata del mondo ed è lei stessa cittadina del mondo intero, senza alcun limite di confine o nazionalità!

a cura di Chiara Bonacquisti

Seguici su: Metropolitan Magazine

Back to top button