Cultura

Il borgo che Leonardo dipinse dietro la Gioconda potrebbe essere Bobbio

Il borgo che Leonardo Da Vinci dipinse dietro la Gioconda potrebbe essere Bobbio: non la campagna toscana come si era finora pensato, dunque, ma quella dell’Emilia Romagna.

La teoria che rivoluzionerebbe per sempre il mondo dell’arte è formulata dalla ricercatrice Carla Glori. Secondo lei, infatti, il paesaggio alle spalle della Gioconda è quello che si può ammirare dal castello Malaspina Dal Verme, che si trova proprio a Bobbio.
Glori, nel 2010 è partita da un semplice dettaglio: alle spalle della donna più celebre del mondo ci sarebbe il Ponte Gobbo di Bobbio, chiamato così per via della sua architettura irregolare. A esso si aggiungono il fiume Trebbia e l’ansa che forma proprio nel tratto vicino al ponte e le alture della Val Tidone.

Nel 2015 gli architetti Davide e Angelo Bellocchi, tramite una ricostruzione 3D, riscontrano 10 punti a sostegno dell’ipotesi. Ma come dimostrare la presenza di Leonardo in quei luoghi?
Nei disegni murali del castello Malaspina Dal Verme dedicati all’amico e mecenate di Leonardo Galeazzo Sanseverino figurerebbe la di lui moglie Bianca Giovanna Sforza, figlia di Ludovico il Moro, duca di Milano e, appunto, conte di Bobbio. Sarebbe lei la vera Gioconda, e non Lisa Gherardini, moglie del Giocondo, come ipotizzato finora.

È inoltre certo che nella sua vigna di Milano Leonardo coltivasse la malvasia di candia aromatica, tipica della Val Tidone.
Infine, Andrea Baucon e Gerolamo Lo Russo confermano la presenza di Leonardo a Pierfrancesco di Gropparello, una località vicino a Bobbio. Come? Grazie agli icnofossili, tracce fossili di impronte di antichi esseri viventi.

Gli studi hanno provato che le medesime forme nella pietra sono state studiate e riprodotte da Leonardo nel Codice Leicester. [..] Gli icnofossili tipici di Pierfrancesco si trovano a Bobbio, raggiungibile facilmente da Leonardo a schiena d’asino.

Carla Glori

Chiara Cozzi

Segui Metropolitan Magazine anche su Google News!

Chiara Cozzi

Laureata due volte in cinema, amante dell'horror in ogni sua forma e della cronaca nera, femminista incazzata™. Ma ho anche dei difetti.
Back to top button