Il campionato si infiamma: gol e spettacolo nella prima di ritorno

Foto dell'autore

Di Redazione Metropolitan

Tante volte abbiamo sentito dire che il nostro campionato è difensivo e tattico, lento, noioso e molto più prevedibile del campionato inglese. Una persona esterna, che non segue la Serie A , vedendo questa giornata non sarebbe d’accordo. Questo weekend , in attesa del testa-coda Juventus-Chievo, con Ronaldo impegnato a riprendersi la testa della classifica marcatori, ci ha regalato 30 gol e tanto spettacolo, gioco e continui capovolgimenti di risultato. Andiamo a vedere allora cosa ci ha riservato il primo fine settimana di questo 2019.

IL SABATO DI CALCIO: La prima partita del nuovo anno di Serie A regalava un vibrante Roma-Torino all’Olimpico con vista europea per entrambe. Il 3-2 finale in favore dei giallorossi è stato solo l’assaggio di grande calcio che questo weekend ci avrebbe regalato. La squadra di Di Francesco,con una partenza sprint ha subito messo in chiaro le cose, segnando due reti nel primo tempo e confermando l’ottimo periodo di forma. Ma quando tutto sembrava perduto, i gol di Rincòn prima e Ansaldi poi risvegliano il cuore di un Torino sempre vivo e pericoloso. Solo un magico tocco di Pellegrini a liberare il ritrovato El Shaarawy (entrato al posto dell’infortunato Under a inizio gara) permette alla Roma di guadagnare i 3 punti, scavalcando la Lazio in classifica.

(PHOTO CREDITS: Corriere dello Sport
El Shaarawy, autore del 3-2 capitolino

Nel match delle 18 la neo-promossa Parma continua a stupire, battendo l’Udinese in una gara sempre aperta e viva. Alla Dacia Arena sono i soliti Inglese e Gervinho a decidere l’incontro. Gli emiliani, sorpassando Torino e Fiorentina, si avvicinano pericolosamente ai piazzamenti europei. Dall’altra parte i friulani a +4 sulla zona retrocessione, possono, nonostante la sconfitta, ben sperare per il futuro, con un Mandragora e un Okaka in più nelle prossime partite.

In serata, inciampa l’Inter contro il combattivo Sassuolo, che si conferma la principale bestia nera dei nerazzurri. Dopo le 6 sconfitte nelle ultime 7 contro i neroverdi , Icardi e compagni sono costretti al pareggio dagli uomini di De Zerbi. Un punto che serve sicuramente di più alla compagine emiliana, che dopo l’eliminazione dalla Coppa Italia e i 6 gol presi dall’Atalante nell’ultima del 2018, riesce a respirare dopo il periodo negativo. L’Inter vede, invece, avvicinarsi la Roma e allontanarsi il Napoli, vittorioso al San Paolo.

Nel lunch-match regala gol e divertimento una splendida Atalanta. I bergamaschi si impongono ed espugnano il Benito Stirpe con un netto 5-0. In Ciociaria, si scatena Zapata: l’attaccante colombiano, dopo la rete del difensore goleador Mancini, segna ben 4 reti, raggiungendo Ronaldo in vetta alla classifica marcatori con 14 gol. Gasperini crea una squadra perfetta in campo, in grado di portare a casa 3 punti imporanti, nonostante l’assenza di Ilicic. Dall’altra parte continua la crisi di un Frosinone mai in partita e con poche possibilità di salvezza.

PHOTO CREDITS: Gazzetta
Zapata, poker decisivo per lui.

Anche i match pomeridiani regalano spunti di grandissimo calcio: al Franchi va in scena uno spettacolare Fiorentina-Sampdoria con ben 6 reti segnate. Dopo i gol di Muriel ( ex di gara e prima da titolare con la nuova maglia) e Ramirèz nei primi 45 minuti, intervallate dall’ingenua espulsione di Edimison Fernandes, nel secondo tempo la viola trova un clamoroso vantaggio ancora con Muriel , che si ripresenta al nostro campionato nel migliore dei modi, dopo la brutta esperienza spagnola. In 5 minuti la capovolge, però, il solito Quagliarella, con una fantastica doppietta. L’attaccante, 35enne, al decimo gol di fila, conferma la fantastica annata. Al 90′ però Pezzella sigla la rete del 3-3, riacciuffando un giusto pareggio per una Fiorentina sempre viva e mai fuori dal match, nonstante l’inferiorità numerica.

Regala emozioni anche l’incontro salvezza tra Spal e Bologna, al vantaggio bolognese con Palacio, risponde Kurtic con il gol del pari. Un pareggio che movimenta la classifica, ma non risolutivo, con le due squadre, specialmente il Bologna, che restano nelle zone calde della classifica.

Non finiscono qui le emozioni della Serie A, anche il match delle 18 regala 4 gol con continui ribaltamenti di risultato e una rete allo scadere. Finisce, infatti, 2-2 lo scontro salvezza tra Cagliari ed Empoli. Pavoletti torna al gol, ma prima Di Lorenzo e poi Zajc ribaltano il risultato. Ci pensa Farìas a segnare il 2-2, con quello che potrebbe essere il suo ultimo gol con i sardi (sembra vicinissimo,ormai, al Bologna).

Come da previsione, arriva una grande gara anche dal San Paolo, il big match di giornata tra Napoli e Lazio, vede i partenopei imporsi per 2-1. Grande Napoli nei primi 45 minuti, con il primo gol di Callejon in campionato e la splendida punizione di Milik ad indirizzare la gara. Nel secondo tempo riapre il match la formazione biancoceleste con il solito gol di Immobile. Laziali in 10 anche a causa dell’espulsione di Acerbi. Grande vittoria del Napoli, che momentaneamente accorcia sulla Juve, mentra la Lazio conferma il trend negativo contro le big.

Infine, riconquista la zona Champions il Milan che supera, in un colpo solo Roma e Lazio, espugnando Marassi per 2-0. Senza Higuaìn, la squadra conquista comunque nel giro di una settimana due affermazioni fondamentali: prima la vittoria targata Cutrone contro la Samp in Coppa Italia, poi un importante successo per l’economia del campionato. I gol di Borini e Suso stendono il Genoa nel secondo tempo. Incontro, estremamente positivo, per il Milan anche in chiave mercato. I rossoneri infatti torneranno da Genova con i 13 gol del bomber Piatek, ormai prossimo a vestire la casacca milanista.

Stasera Juventus-Chievo chiuderà una giornata davvero sensazionale: ricca di classe, qualità e giocate mozzafiato.